lunedì 18 gennaio 2016

L'OCCHIOLINO

Le feci l'occhiolino alla fermata del tram, e lei mi guardò con una
certa compassione fuggevole, avrà pensato che si trattasse di un
tic. Il giorno dopo la incontrai ancora alla stessa fermata del tram,
tirai fuori la lingua e la mossi a mulinello verso il suo volto.
Questa volta mi sorrise, e mi regalò una caramella al miele.
" Se sente dell'amaro in bocca questa caramella è perfetta ", mi
disse con dolcezza infantile. Il terzo giorno ero pronto a tutto,
ormai l'amavo, avrei voluto chiederle un appuntamento ma dato
che sono timido tirai giù la cerniera e senza farmi vedere dagli
altri le mostrai la punta della mia cappella. Questa volta lei fece
una cosa che mi lasciò di stucco, tirò giù la cerniera e mi mostrò
un ciuffetto di peli rossi, e disse sottovoce: " Piacere mio ".
Restai pietrificato. Arrivò il tram. Lei salì sul tram e mi salutò
dal finestrino mentre si allontanava. Restai come uno scemo,
con la cappella di fuori, mentre una vecchietta iniziò ad urlare.
Fu un attimo: le sirene della polizia, le manette, e il mio cuore
imprigionato.

3 commenti:

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Ovviamente lo scopo dello scritto è suscitare ilarità. Un autore che pubblica si chiede se una sua opera, essendo pubblica, possa avere effetti di emulazione in soggetti incapace di dominare, per esempio, i propri istinti sessuali? Se L'uomo è l'insiemeldi di tutti i fattori esterni che lo costituiscono, nel senso che tutto ciò che leggiamo, sentiamo, vediamo vanno ad influenzare, incidere e quindi costituire, nellincoscio, il nostro modo di essere, di sentire, allora esiste una responsabilita collettiva nelllinfluenzarci a vicenda? Lo domando perché se l'essere umano è un divenire fin dai suoi primi giorni di vita e quindi, per questo motivo è ragionevole pensare che i maniaci sessuali non nascono, ma lo diventano attraverso un lungo percorso, attraverso influenze esterne?Gli autori hanno responsabilità in questo?

vitanuova ha detto...

Un individuo nasce con una certa indole, ma è l'ambiente in cui cresce che influisce e scatena il manifestarsi di certe pulsioni positive o negative.