giovedì 29 luglio 2010

PENSIERO DEL GIORNO


Sono un uomo leggero, se incontro la disperazione le faccio
le smorfie, le boccacce e le pernacchie, e il dolore comune
non so che cosa sia, le mie lacrime sono irreversibili, vanno
a irrigare campi bruciati dal sole, sono frivolo, incantato
e incantevole, non ho magie da donare agli altri, solo trucchi
svelati, amo le banalità sorridenti e i pic-nic ventosi vicino
ai precipizi, mi sento assoluto quando mi relaziono e relativo
quando sono davanti allo specchio, mi piace giocare a carte
scoperte in quel campo per nudisti che è la morte, e quando
prego non mi inginocchio mai, prego sdraiato, amo il comfort,
quando diventerò incontinente baratterò i miei pannoloni per
una pesca sbucciata e farò la pipì a letto, ma avrò la bocca
fresca, altro non ho da dire, per ora, e vi saluto con amore.

Ricky Farina

IL MONDO CHE VORREI

AFORISMA DEL GIORNO


Non ho molte ambizioni nella vita, due o tre desideri:
vedere il mio blog diventare patrimonio dell'umanità,
avere una raccolta differenziata automatica di tutte le
mie inquietudini, e sentirmi a casa quando smarrisco
la retta via, senza sensi di colpa, solo con i miei sensi.

Ricky Farina

martedì 27 luglio 2010

ADDIO CARMINIO


Il carminio disseccato di ogni addio,
la fragranza oscura dei tuoi desideri,
le paure recise alla radice, ma nulla
che possa placare gli amori disossati

se muori nell'attesa di qualcuno, se
lasci questo mondo ancora assetato di
futuro, se la polvere dei ricordi non
basta a soffocare il tuo fresco orizzonte.

AFORISMA DEL GIORNO


Ci sono giorni di solitudine profonda, di specchi ingoiati,
dove il respiro è una membrana che ti separa dal mondo,
in quei giorni anche una mosca sul naso ti fa compagnia.

Ricky Farina

lunedì 26 luglio 2010

LIFE IN A DAY

DIO SPIEGATO A GESTI



AFORISMA DEL GIORNO


L'Italia è piena di case editrici emergenti che
cercano autori emergenti per emergere tutti assieme
appassionatamente, mentre farebbero bene a
inabissarsi e scandagliare il fondo di se stessi.

Ricky Farina

sabato 24 luglio 2010

QUELLO CHE MI PIACE FARE

Mi piace mettere il limone nella coca cola.
Mi piace allacciarmi le scarpe seduto su un
letto disfatto dall'amore. Mi piace saltare
i fossi. Mi piace dire cose che non penso
e pensare cose che non dirò mai. Mi piace
ricaricare l'orologio vicino ai pozzi. Non
mi capita mai di ricaricare l'orologio vicino
ai pozzi. Mi piace guardare le foto degli
altri e fare finta di interessarmi, mi piace
anche guardare i loro filmini delle vacanze
e odiarli segretamente, odiarli con tutto
il cuore, e poi perdonarli. Mi piacciono le
donne che mi guardano intensamente, e
quelle che hanno i capezzoli duri quando
mi capita di fare un sospiro malinconico.
Mi piacciono i misteri con il ventre aperto,
spaccato, e mi piace bruciare le formiche
dei miei pensieri con l'alcol della noia.
Mi piace camminare distrattamente con
una cravatta blu in tasca, e mi piace fare
l'amore con le ombre cinesi, quando fuori
c'è un temporale che fa tremare le mani.
E il sangue. Mi piace gettare le cozze dalla
finestra quando sono ubriaco. E mi piace
fare lo sgambetto alla morte quando ascolto
la musica. E poi mi piace accarezzare il collo
delle statue, e mi piacciono i vasi vuoti, e
le molliche di pane nei miei sogni affamati.

UNA POESIA DI MEDEA MERINI


A Richard F.

Mezzanotte e cinquantaquattro
per sempre: scarnificare le membra
e affrontare la Forza selvaggia
della Vita che incombe.
Si perpetua uno Stupro sfrontato:
contorto groviglio di pensieri
che sono macerie.
Imbrigliato nell'imbroglio
di un Essere necessario e ineluttabile,
chiuso nell'apertura tracimante
di un'Erezione notturna
che beve sangue sacro
e combatte un dio onnipotente
con titanico vigore
e pudicizia spudorata.
E' l'ironico arrendersi
all'urgenza impetuosa di vivere
e al sapore salino del respiro ingoiato.
La guerra è nell'abisso
di sconosciute caverne,
ombre nuove e serpenti
ricattano i pensieri di un uomo impaurito.
Un ultimo spavento
cede al Sonno smanioso,
che è "fratello di Morte".

venerdì 23 luglio 2010

AFORISMA DEL GIORNO


Nascere non è un miracolo: sangue, placenta e lacrime.
Morire non è un mistero: polvere, vermi e silenzio.

Ma ogni respiro è una vertigine trasparente nel cuore del
Nulla...

Ricky Farina

giovedì 22 luglio 2010

AUTORITRATTO IN FRANCESE

AFORISMA DEL GIORNO


Nella costellazione dell'oblio nulla va perduto, anche
il respiro dei morti è custodito come un tesoro.

Ricky Farina

mercoledì 21 luglio 2010

EREZIONE NOTTURNA

AFORISMA DEL GIORNO


Se vedi tutto nero vai alla ricerca di un diluvio
e attendi l'arcobaleno.

Ricky Farina

GELATINA AL CAMPARI

venerdì 16 luglio 2010

ADESSO UNA POESIA


Adesso scrivo una poesia che non ti dimenticherai,
una poesia che ti darà i brividi. Scommetti?

Non mi credi capace?

No, non ti parlerò d'amore né di cieli azzurri,
sarà una poesia diversa dalle altre.

Panetto di burro, acido ascorbico,
fluoro, microparticelle, salmoni, aringhe,
implosioni, scarti, fossili, fermenti
lattici, diarrea, casco di banane, petto
di pollo, arrosto, filetto, aurora, cancro,
ariete, tumori, corna, memoria,
torre, vicinanza, semenza, demenza.

Arto. Arte. Artrite.
Antartide.

La senti? La senti tutta la mia forza poetica?

Ma tu fai finta di niente, non mi ascolti.
Effetto notte nel sangue.

Dio. Addio.
Che truffa.



SECONDO AFORISMA DEL GIORNO


Che idea geniale, ho trovato il modo di fare soldi, andrò
dai cattolici a proporre un nuovo tipo di assicurazione:
l'assicurazione sulla resurrezione. Mettiamo che uno
risorge nella bara, sbatte la testa, trauma cranico, bene,
la mia agenzia assicurativa lo rimborserà di tutte le cure.

Ricky Farina

ELOGIO DEL FINTO


Solo gli sciocchi amano la verità.

Sono quelli che si accontentano di
morire per sempre.

Amo tutto ciò che è finto, quindi amo
Dio e la sua promessa eterna.

Ma amo anche finzioni meno sublimi,
le piccole finzioni di ogni giorno.

Ho un debole per i seni finti, rifatti,
siliconati, tondi tondi come sfere.

Il mare, in cui si agita la vita, mi fa
senso, meglio una piscina quieta.

Fare finta di nulla mi sembra uno sport
meraviglioso, un esercizio metafisico.

I fiori di plastica sono così belli, e si fanno
beffe dell'appassimento universale.

E trovo adorabili le persone finte,
e dico finte, non quelle false.

Non voglio essere amato per quello che
sono, sarebbe una terribile ingenuità.

Mi accontento di essere amato per quello
che sembro, un vezzo molto umano.

Datemi un palcoscenico, un sipario, e
mi farete felice, ma le bistecche no.

Le bistecche devono essere vere, al sangue,
appena uscite dal macello.

Perché i miei morsi sono veri.

DIARIO FESTIVAL

giovedì 15 luglio 2010

AFORISMA DEL GIORNO


Questa mattina, come un dinamitardo, nascondi la polvere
pirica dei tuoi sogni nella cella cristallina dell'attesa.

E al momento opportuno: fai esplodere il reale.

Ricky Farina

IL SENSO DELLO SPETTACOLO


Dove è più limpida l'ombra
inquieta l'aurora ci punisce
per i nostri risvegli senza
sogni, e azzurro è il morso
che togliamo alle tenebre.

Ma tu trattieni il canto, e le
redini del respiro, c'è ancora
molto da vivere prima di morire,
prima che l'ombra diventi
tumulto di polvere e schianto.

Lascia che il tempo si perda
nei labirinti simmetrici, non devi
fare altro che cedere alla gioia,
non è difficile, se il tuo senso
dello spettacolo ti tiene vivo.

venerdì 9 luglio 2010

LIETO E MACABRO


Lieto. Divento lieto quando sento
le tue ferite confluire nel mio sangue,
quando siamo una sola persona e
due solitudini, quando la tue parole
si spezzano nel mio silenzio.

Macabro. Divento macabro quando
cieli troppo azzurri mi spolpano
gli occhi, quando le candide lenzuola
della nostra intimità sono violate
solo dal vento, nel corpo assente.

Macabro, lieto. Questo sono. Lieto
e macabro, questo è il mio amore.
Non avere paura, tutto è profusione
di contrasti, contrappunti, afonie
sull'orlo del grido armonioso.

PERCHE'?

AFORISMA DEL GIORNO


Nonostante tutto, nonostante la vita stessa, la vita è
un'esperienza irripetibile, e bisogna avere il coraggio
di proclamare queste banalità radicali, assolute.

Ricky Farina

giovedì 8 luglio 2010

AFORISMA DEL GIORNO


Si è veri una sola volta nella vita, ed è l'istante in cui
ti accorgi di che meravigliosa bugia è stata la vita.

Poi il nulla.

Ricky Farina

IL SENSO DELLA SAPONETTA

mercoledì 7 luglio 2010

APPUNTAMENTI E AUTOGRAFI

AFORISMA DEL GIORNO


Ho la sensazione di svegliarmi in ritardo rispetto ai miei
sogni, nel senso che quando apro gli occhi c'è sempre un
sogno che mi fissa, che mi scruta, e sorride del mio stupore.

Ricky Farina

martedì 6 luglio 2010

DUE AFORISMI DEL GIORNO


Era un uomo laconico, voleva avere l'ultima parola
all'inizio di ogni discorso.

*

Non fare mai il punto della situazione se non vuoi arrivare
a un punto fermo, scegli i puntini di sospensione, non fanno
male a nessuno...

Ricky Farina

lunedì 5 luglio 2010

LA PERSISTENZA DEL CADAVERE


Scena capolavoro tratta da uno degli ultimi film di Alfred
Hitchcock, l'ultima sua zampata geniale.


CEREBRO ILLESO

AFORISMA DEL GIORNO


Sono un equilibrista eccentrico, ho una solitudine simmetrica,
e tendo a eiaculare in zone non uterine per sfiducia congenita
nella specie umana.

Ricky Farina

PENSIERO DEL GIORNO


Non lavorando ho questa meravigliosa opportunità
storica e sociologica di frequentare le vecchiettine
che fanno la spesa al supermercato di mattina. Oggi
una mi ha detto "mio marito quei porci di fascisti
l'hanno torturato ai testicoli", eravamo davanti al
reparto insaccati, e la vecchiettina sfogandosi ha
indicato i miei di testicoli, ho provato un lieve, lieve
imbarazzo, perché ha guardato i miei genitali con
rabbia, ma anche con passione. E' stato bello.

Ricky Farina

domenica 4 luglio 2010

AFORISMA DEL GIORNO


Fatti scavalcare dagli altri, non sgomitare, lascia il passo,
sii sereno, non tagliare traguardi, resta in attesa, scava
la tua fossa con calma, non farla scavare da anonimi, la fossa
è personale, intima, ti appartiene, e soprattutto non cedere
alla banalità di tutti:realizzarsi nella vita. Tu, unico, devi
tendere a smaterializzarti, in modo che la vita ti lasci libero.

Ricky Farina

venerdì 2 luglio 2010

RITRATTO DI UN UOMO AGGHIACCIANTE

AFORISMA DEL GIORNO


C'è chi si affaccia alla finestra e chi si affaccia sul proprio
volto, c'è chi precipita dalla finestra e c'è chi precipita dal
proprio volto, affacciarsi e precipitare è l'essenza della vita.

Ricky Farina

giovedì 1 luglio 2010

L'ULTIMO WELLES

PENSIERI NATI SOTTO LE COPERTE



Mi piace fare l'amore e prendere in giro la morte, e
detesto fare la morte e prendere in giro l'amore.

*

Mi piace così tanto svegliarmi che mi addormento
almeno sei volte al giorno.

*

Ho il sonno così leggero che anche il respiro dei sogni
può svegliarmi, la realtà non vuole farsi abbandonare,
mi chiama a sé con implacabile amore, e io rispondo.

*

Sotto le mie coperte è nata una stella, ho provato a
chiederle un autografo ma mi sono bruciato.

*

Sarà capitato nel corso dei secoli, un uomo che ha
dormito profondamente, così profondamente da
sfiorare la morte, e appena si è svegliato è morto.

*

Ho dei sogni carnivori, quando mi sveglio mi manca
sempre un pezzo, ci sono segni di morsi feroci, morsi
nati nelle tenebre, e vivo nell'allucinazione del mattino.

AFORISMA DEL GIORNO


Cerca nell'impossibile quella parte di possibile
che è rimasta intatta. E agisci nell'inverosimile.

Ricky Farina