sabato 17 gennaio 2015

POESIA APPENA SCRITTA


Ciao, sono una poesia appena scritta.
Sono fresca fresca, ma anche se mi
leggerai fra cento anni sarò per te
una poesia appena scritta, perché
sei tu a scrivermi nel momento in cui
mi leggi, capisci? Sei felice?
Sono fresca come un uovo appena
uscito dal culo di una gallina,
se mi annusi puoi sentire l'odore
dell'anima di Ricky. Ha uno strano
odore, ti devo avvertire. Come posso
descrivertelo? Un odore di mela,
mela sciropposa, Ricky è un uomo
molto dolce sai? Io me ne stavo
beata nella sua testa, e lui ha scelto
di tirarmi fuori per te, solo per te
che mi stai scrivendo leggendomi.
Che cosa vorresti che ti dicessi?
Sei giù? La vita è un dono, ma sarà
lei a scartarci prima o poi. Ti piace?
Ricky è intelligente, vero? Ora devi
scusarmi, stanno arrivando degli
amici con il polipo e le patate e mi
sa che devo finire, finire come tutte
le cose che hanno un inizio.

2 commenti:

Gaetano Gigliotti ha detto...

Ho, Fary è bellissima, grazie.

Anonimo ha detto...

Questa è ironicamente bella: leggerla è come vedere una goccia d'acqua descritta dal di dentro, pur standone appesi fuori... (Luca)