domenica 25 gennaio 2015

LE ATTRICI

Posso dire una cosa senza offendere nessuno? Non voglio offendere
per carità, ma ho notato una cosetta, una cosettina che voglio dirvi.
In questi anni di Facebook alcune donne che dicono di essere attrici
( ne conto almeno 8 ) mi hanno contattato con messaggi privati, non
farò i nomi, ma il tenore dei messaggi era: ti ho sognato, sei entrato
nei miei sogni, e nemmeno ti conosco. Quello che scrivi mi colpisce,
sei speciale. I tuoi film hanno qualcosa di magico, mi fai morire dal
ridere. E cose di questo genere. Una addirittura si è fatta fare un video
ritratto da me e poi mi ha chiesto di levarlo perché la verità di quel
film le avrebbe danneggiato la "carriera". Bene. Altre le ho contattate
io dopo un "mi piace", dopo un primo scambio di simpatia reciproca
si sono tirate indietro. Molte attrici amano Alda Merini e alcune mi
cercano proprio per quel ritratto che feci alla poetessa. Bene. Tutte,
ma dico tutte, si tirano indietro, mi temono, appena cambio marcia,
appena cerco un approccio meno formale con loro e più artistico
si fanno da parte. E queste sarebbero attrici? Una, non dirò il nome,
l'ho vista ballare nella trasmissione della Carlucci! Capite? Ma mi
domando e dico: queste sono persone che amano l'arte? Sapete
che cosa desiderano? Fare serie tv, ospitate televisive, film che
chiamarli film sarebbe indecente, fanno robetta, la robetta che poi
le farà passeggiare su un tappeto rosso e potranno dire qualche
stronzata a una stupida intervistatrice, e poi magari avranno il
brividino di finire dentro un gossip, questo è il loro sogno. Ma con
la robetta forse riescono a pagarsi l'affitto, poverine, le capisco.
Però resta il fatto: tirarsi indietro davanti a uno vero come me
è il segno di un temperamento artistico insignificante. Nullo. Sono
gusci vuoti. Sarcofaghi di palline colorate. Figurine senza anima.
Un bel visetto incorniciato, e basta. Ma non offendetevi care
"attrici", io non sono cattivo, non sono disperato, credo che la
vita possa darvi l'occasione di diventare vere, vere attrici, non
mollate mai, abbiate coraggio, coraggio, senza coraggio resterete
quello che siete: false attrici. E non fate incazzare i poeti.
Meglio Roy, il mio amico gigolò. Tremila volte meglio. Meglio
le puttane, trovo più "arte" nelle puttane che frequento.

4 commenti:

silvia silviaa ha detto...

Frequentando le scuole di recitazione potresti trovarti nell'ambiente giusto per conoscere personalmente chi possiede il talento naturale di trasferire emozioni su un set. Non credo sia una questione di scrigni vuoti o belle figurine senz'anima se le ragazze che hai contattato non hanno accettato un tuo invito, forse sono un po diffidenti a fare semplici videoritratti mostrando il loro bel volto, perché semplicemente sono abituate a misurarsi anche con la tecnica recitativa, e quindi é come se una semplice videocamera non le soddisferebbe o reputerebbero funzionale a tirar fuori il loro talento.

riccardofarina69 ha detto...

La Chisciotte è un unicum.

silvia silviaa ha detto...

Sul fatto che in casa tua abita un talento camaleontico, nella capacità di trasformazione, non era messo in dubbio. Dicevo soltanto che il luogo per scovare e conoscere attrici é il teatro, perché su Facebook la velocità di contatto e relazione é tanto facile quanto labile nellistaurare collaborazioni, sopratutto artistiche. Dovresti insegnare in un teatro, secondo me. Ciao.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.