mercoledì 11 febbraio 2015

ANCHE STANOTTE

Anche stanotte è arrivato il momento di aprire il divano letto, e di
stringere al petto i cuscini. Il menù dell'inconscio è invisibile e non
posso ordinare un sogno a piacimento, avrei voglia di sognare una
aragosta viva sopra un seno indifeso, ma forse sognerò un topo
sepolto o una foresta di spine infuocate, gli abissi sono imprevedibili.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

...allora cosa hanno sentenziato i tuoi abissi? aragosta o topo? O qualcosa d'altro?
-farinomane-

Anonimo ha detto...

Secondo me hai sognato un seno indifeso, di un corpo delicato che ospita una mente che tu riesca finalmente a penetrare, mordere e rigettare, forgiare e manovrare. Mah meglio iniziare dalla propria per poi cercare un essere alla pari. Chicca

rickyfarina ha detto...


Ho sognato di fischiare!