mercoledì 13 aprile 2016

I MOTIVI


Perché essere un cuckold?
Ci sono vari motivi, tutti importanti, per essere un
cuckold, un cornuto volontario e spettatore delle
proprie corna. Di seguito un breve elenco personale.
Motivi per essere un cuckold.
Vedere un tradimento consumarsi sotto gli occhi
paradossalmente permette di esorcizzare la gelosia.
Il tradimento diventa complicità, e non è più un
vero tradimento ma un gioco condiviso.
Vedere la tua donna con un altro uomo ti consente
di conoscere meglio la tua donna, un altro uomo
scoprirà altre zone erogene, la farà godere in modo
diverso da quello che fai tu, è un arricchimento.
Il tradimento condiviso non fa che ribadire la fedeltà
reciproca, è una tecnica di controllo, una delle tante
forme che la tirannia può assumere. La libertà di
costumi non c'entra nulla, anzi, è proprio l'opposto.
Contemplare un tradimento è un atto filosofico,
platonico, il vero amore platonico consiste nel
vedere un altro cazzo dentro la tua donna. Non
solo uno, anche due, tre, fino allo sfinimento.
Vedere la tua donna con un altro ti procura uno
strano mal di pancia che invece di farti male ti
eccita, ti fa sentire in pericolo, rivitalizza le tue
difese, ti porta a metterti in discussione come uomo.
Una coppia che si conosce a memoria è una
coppia impagliata, imbalsamata, sclerotizzata.
Il cazzo "alieno" porta nuova linfa, nuovi strani
e densi piaceri, scompagina i rituali fissi, i codici.
Se sei pigro o stanco un altro cazzo ti permette
di tirare il fiato, e con l'avanzare dell'età ci vuole
proprio una pausa di riflessione, mentre tu rifletti
l'altro la scopa, la sbatte, e tu fai collezione di gemiti.
Se lei si innamora dell'altro, può capitare, avrai
in dono la libertà. E nella libertà ritroverai te stesso.
Quindi non può nascere nulla di cattivo da questo
gioco condiviso. Tornerai a respirare, a vivere.
Se sarai tu a innamorarti di un altro cazzo, può
capitare, finalmente ti renderai conto che sei stato
un frocio represso per tutti questi anni, e potrai
godere di un cazzo in culo quando ti andrà.
Ecco, mi sembrano motivi sufficienti per consigliare
a tutti di farvi scopare la donna.
Auguri.
Vivisssimi.

60 commenti:

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Purtroppo so che esistono davvero i cuckold, ma se i cuckold esistono è perché esistono donne fallaci e menzognere, che sanno ingannare molto bene, in questo ladonna è una professionista, son donne che si prendono solo gioco degli uomini, poiché studi scientifici anatomici/fisiologici, istologici/citologici su un enorme campione di donne, da parte di centri specializzati in sessuologia sia nazionali che internazionali, effettuati su un enorme campione di donne, hanno dimostrato che l'orgasmo vaginale non esiste e che la penetrazione nel dotto vaginale ha solo funzione procreativa. La scienza parla chiaro, e finalmente anche molte donne stanno trovando il coraggio di sfatare certi miti non avendo più paura del maschilismo più becero fino a degenerare nella pratica cuckold appunto, perché di questo si tratta: di una deriva dei rapporti umani basato su una grande menzogna, e gli uomini dovrebbero aggiornarsi, informarsi, ed accettare tutto questo una volta per tutte, altrimenti saranno ingannati sempre dalle donne, perché la donna spesso è solo inganno ed ha fatto del sesso un suo punto di forza solo per tenere sotto scacco l'uomo essendo egli molto vulnerabile da questo punto di vista.

Anonimo ha detto...

Ok Riccardo hai espresso chiaramente le motivazioni perché un uomo dovrebbe orientarsi verso tale filosofia carnale. Però la cosa più certa è come hai ben espresso .....che non si tratta di vera libertà ma bensì di un'altra forma di controllo sulla sessualità femminile nel rapporto di coppia. Nel senso....ok io uomo siccome voglio continuare ad essere comunque libero di fruire altrove...voglio fare il liberale e pertanto concedo a te compagna la medesima libertà ma sotto il mio controllo.....così nella mia testa non sarò cornuto ma anzi regista, attore, spettatore di ciò che io desidero. Molto spesso a questo gioco ci si presta per amore dell'altro/altra e per non perderlo, pertanto chi subisce per amore alla fine subisce una costrizione. Il mondo maschile da troppo tempo pretende di controllare la sessualità e la procreazione femminile. Prima con una totale castrazione psicologica sessuale ora con una eccessiva richiesta di disponibilità. Eccessiva disponibilità però sempre controllata dal maschio, ed ovviamente tale disponibilità deve essere anche controllata a livello contraccettivo...perché non credo che il guardone di turno sarebbe disposto ad assumersi la paternità di eventuali incidenti di percorso verificatisi durante tale gioco. E se capitano tali incidenti che si fa? Si viene inviate ad abortire ubbidientemente o si taglia la testa al toro con una bella operazione alle tube? Anzi no .....forse la scelta da parte del guardone ricade solo su uomini con vasectomia. Chicca

Gaetano Gigliotti ha detto...

Mah, è la prima volta che mi propongono un consiglio di questo genere. Ma a pensarci bene: per esorcizzare la gelosia, per conoscere meglio la mia donna, per ribadire la fedeltà
reciproca, per contemplare un tradimento(contemplare...), per vedere la tua donna con un altro ti procura uno
strano mal di pancia che invece di farti male ti eccita, per "Se sei pigro o stanco un altro cazzo ti permette
di tirare il fiato, e con l'avanzare dell'età ci vuole
proprio una pausa di riflessione, mentre tu rifletti
l'altro la scopa, la sbatte, e tu fai collezione di gemiti."; Tutto questo per prenderlo in culo, piuttosto comincio dalla fine!

Devic Essence ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Devic Essence ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
rickyfarina ha detto...


Mi hai fatto morire dal ridere Gae!

attimiespazi ha detto...

Che lenza che sei RF.. io penso di aver capito il tuo intento, che non è quello che appare.. ahahahah..
appena ho un attimo ( e sì che dovrei averne) ti scriverò sull'argomento specifico ed intanto ringrazio MisterG per la sua eloquenza: meglio di così non poteva esprimere il succo di un discorso a cui mi associo ..

.attimichecercaun'attimo

-farinomane- ha detto...

Anche se questa teoria si propone come altruistica, c'è qualcosa che non mi convince. Mi sembra tutto troppo cerebrale. Messo che lei lo faccia con piacere, dov'è la poesia?... vuoi mettere i mal di pancia propri del vero tradimento, quello fatto lontano dagli occhi del partner?... il brivido dell'imprevisto, il senso di evasione fisica e mentale, lo sfuggire ad ogni forma di controllo...

attimiespazi ha detto...


Sono del parere che in una coppia consenziente a tale pratica si fondano
il voyerismo maschile e l'esibizionismo femminile performante.
penso anche che l'anello debole di tale pratica in realtà sia l'uomo cuckold (o la donna cuckold, nel caso inverso) che mette in discussione le sue sicurezze/insicurezze, giocando d'azzardo con la sua gelosia "afrodisiaca" e, chissà se vince mai?
sfida la gelosia per averne un illusorio controllo/gestione e per esorcizzarl; ci riesce veramente o entra in un vortice da cui è poi difficile uscirne?
mah, chi lo sa..
e chissà che non ci sia davvero un'omosessualità latente che spinga a tale devianza..
se la pratica è accettata dai due partner, il terzo (in)comodo (o la terza incomoda - perché suppongo esista anche la variante al femminile del cuckoldismo-) viene usato come carne e nulla più per soddisfare questa "esigenza" di coppia, e quindi un'egoismo di coppia profondo è già evidente.
un dubbio che mi pongo è che il tutto sta nel capire fino a che punto questo atto, che immagino venga vissuto dalla coppia come una prova d'amore (??) sia veramente tale.
non è in realtà un sacrificio verso l'altro per paura di perderlo, assoggettandosi psicologicamente e praticamente alle sue fantasie che non vogliono restare tali, ma vogliono realizzarsi attraverso una regia?
sono del parere che, se da una parte c'è il giocatore/trice d'azzardo di cui parlavo sopra, dall'altra ci sia un'accettazione passiva e forse un circuito vizioso a livello psicologico che porta a rimanere vittima di un vero ricatto affettivo/sessuale da parte del partner, anche se non viene riconosciuto coscientemente. ricatto affettivo al quale si cede perché si ama troppo, in maniera non equilibrata, tanto da annullare la propria personalità diventando "slave" dell'altro, senza accorgersene.
Ma, fors'ancora, chi accetta questo "gioco" non è vittima, ma si "droga" di una sensazione di potere di sdoppiamento, si vede in una "second life" inebriante, con l’adrenalina di convivere con un'intima identità segreta.
praticamente diventa cuckold di se stessa/o.

Tutti o quasi hanno fantasie erotiche “allargate”, le coppie “normali” si limitano a sceneggiarle, quelle cuckold le realizzano.
se la pratica viene coscientemente condivisa dai due partner va bene ma, penso che a lungo andare qualcosa nel cervello e nel cuore rimbomberà a vuoto, quel vuoto che forse si cerca di colmare e nascondere con una pratica che, secondo me, non ha nulla a che fare con l'amore e il rispetto.
questa è una semplice analisi da parte mia, condita da riflessioni personali e non voglio giudicare nessuno, in quanto penso che la sessualità di coppia sia un fatto molto, molto intimo e complesso, e in più non sono una psicologa (anche perché è una branchia della "medicina" che non mi è molto simpatica).

.attimi



rickyfarina ha detto...


Bella analisi Attimi! Alla fine sei scivolata sul pesce ( branchia ) ma non importa!
Si dice branca! L'amore? Il rispetto? Due parole che tra di loro proprio non ci azzeccano
secondo me. Se rispettassi una donna non mi sognerei mai di schiaffare il mio coso
nel suo c......................ULOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!
Comunque...brava! Come lo cucini di solito il pesce Attimi? E qual è il tuo pesce
preferito? Ti ho già detto che una volta scrissi la "madonnina d'orata?" , scusa se
ti faccio notare gli errori, non è elegante, ma tanto sbagliare è umanissimo.

attimiespazi ha detto...

oh Ricky, grazie del gradimento. in realtà mi fa piacere essere corretta nei miei strafalcioni grammaticali, sono qui per imparare e tutto ciò che scrivo è assolutamente a titolo sperimentale. se fosse un articolo sarebbe da correggere in altre parti per renderlo un pochino più scorrevole in lettura, ma non ne ha di certo la pretesa. quello che scrivo è a titolo colloquiale.
a proposito, nel tuo penultimo rigo
*vivisssimi* con tre esse è voluto, vero?
non ti ho detto nulla perché ho pensato fosse così e non ho ritenuto il caso di fartelo notare, ma ora mi hai fatto venire il dubbio..
il mio pesce preferito è sicuramente il branzino.

il pesce lo cucino in migliaia di maniere, anche dopo anni, anni e anni non mi capacito della fantasia con la quale lo gusto. ogni volta un sapore diverso e non mi viene mai a noia, anzi, più ne mangio e più mi resta la voglia di mangiarlo. sarà la capacità del pesce a farsi gustare o sarò io che sono troppo golosa? la verità sta sicuramente nel mezzo e forse c'è anche la fortuna di aver incontrato il pesce giusto, dopo averne assaggiati alcuni. in molti si meravigliano di ciò, ma non penso di essere l'unica mosca bianca ad avere avuto questa fortuna.

per me, amore e rispetto vanno a braccetto e quando faccio "sesso" lo faccio sotto l'impulso amoroso, perché sento attrazione mentale, di cervello, per quella persona, un'attrazione che si tramuta in pulsione sessuale come è naturale che accada, che si mescola con quella del cuore, e tra le lenzuola si possono poi sperimentare situazioni in base all'affiatamento, al rodaggio della coppia e alla predisposizione mentale e fisica del momento, dell'attimo, soddisfando anche fantasie "proibite" volendo, che, a mio parere, non vanno programmate a tavolino ma lasciate all'istinto e alla pulsione del corpo per soddisfare i desideri più intimi.
ma, mai mi sognerei di coinvolgere una terza persona da usare come strumento per il soddisfacimento di un atto che, per come lo concepisco io, non può prescindere da un profondo sentimento d'amore tra due persone.
se si ricorre ad una terza persona, secondo me, c'è una "falla" nel rapporto, se di vero rapporto d'amore si tratta. per me (parlo a titolo personale, naturalmente), non ha senso "riparare" in situazioni che sono fuori dalla mia naturale visione di coppia. sesso e amore sono strettamente interconnessi tra loro, sono fatta così, e non si trovano al mercato ma sono condizioni che si legano fra loro nel tempo.
il problema di oggi, secondo me, è che l'Amore, quello che intendo io, quello profondo e vero, venga scambiato per altri sentimenti che possono assomigliargli ma che confondono le acque. forse si è troppo affamati di questo sentimento che è difficilissimo da coltivare, in quanto gli ingredienti sono tanti e sfumati e bisogna ricercarli con dedizione e pazienza. nell'era del "tutto e subito" si è persa la capacità di interrogare il proprio cervello e la propria natura, forse per un'emorme pigrizia e mancanza d'amore prima di tutto verso se stessi e la propria vita che andrebbe valorizzata nella sua splendida visione complessiva.
o forse, semplicemente, non si è ancora capito bene cosa sia l'amore e lo si offende continuamente..

dalla tua frase deduco che tu abbia sentito più volte l'antiquato detto "a tavola e a letto nessun rispetto".. beh, penso che la sua interpretazione sia soggettiva e che lasci il tempo che trova, appunto.

un piacere disquisire con te.
ciao RF.

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

E da quando inculare la propria donna NON è una forma di rispetto? Casomai il contrario... "La donna ha fame, e vuole mangiare; sete, e vuole bere. È in fregola, e vuole essere fottuta..." Questa idealizzazione della donna, porta solo a aberrazioni. Quando si scopa, si gioca al gioco dell' animalità. Godere come i puorci e nient'altro!...Che cazzo c'entra il rispetto? Quello ricompare dopo. Troppe idee stronze nel cervellino ci avete, e da quello che vi escono 'ste perversioni squallide...

Anonimo ha detto...

Di questi tempi l'amore, ma forse da sempre, è evitato per mille paure o incapacità di provarlo....quasi come fosse peste e si preferisce la veloce gratificazione sessuale. Il sesso che viene eccessivamente esasperato ed enfatizzato ....oltre che suddiviso in categorie ....è diventato quasi un lavoro tecnico/meccanico di auto affermazione del proprio potere.....più che un rapporto istintivo di piacere fra due persone. Tra un po' ad un primo incontro non si chiederà più "come ti chiami?" ma bensì "tu come lo fai? Che tendenze hai? Sadomaso soft o sadomaso strong? Vanillla? Schiaffi sulle chiappe .....guardone/na....esibizionista in campo aperto? Orgia di gruppo? Ecc.ecc." . Comunque sono da sempre convinta che, quando una persona si sottomette malvolentieri ai desideri sessuali del partner, l'amore sia sfociato in una dipendenza psicologica legata alla paura di perderlo e della solitudine. E di ciò ho avuto testimonianza diretta da parte di donna che per non perdere il suo lui si presta malvolentieri a orgette di 10 persone stipate all'interno di un autovettura 8 posti....perché bisogna pure farlo con fatica ed aggrovigliandosi ...mi pare giusto hehehehe. Ho visto un documentario dove parlavano i partner, sia uomini che donne, che subivano accontentando i desideri extra dell'altro .......e non avevano ne un'espressione ne un tono di voce giulivo, anzi piuttosto mesti. Anche Roberto ha raccontato che ogni tanto viene acquistato da una coppia dove lei si presta "per amore" a far sesso con altri di fronte al compagno.....ma a detta di Roberto lei non c'è portata per tale situazione. Si parla sempre di costrizione con uso della violenza fisica.....ma c'è una costrizione più subdola e celata, quella psicologica che fa leva sulle paure, sulle frustrazioni, sulla solitudine, sulla disistima di se stessi. In tale situazione di costrizione psicologica la colpevolezza ricade al 50% sulle parti .....perché è vero che una parte ne approfitta, a suo uso e consumo, ma è anche vero che l'altra parte glielo permette.....e questi meccanismi si imparano proprio leggendo libri di psicologia e poi si trasporta, per la verifica, ciò che si è appreso nella realtà che ci circonda.....osservando, valutando e sopprattutto memorizzando le conseguenze di certe complicazioni psico affettive. Sono dell'idea che ognuno deve seguire il proprio sentire e la propria indole, amare si ....ma questo non vuol dire perdere lucidità mentale tanto da assoggettarsi a cose male tollerate che poi prima o poi rigurgiteranno. Chicca

attimiespazi ha detto...

@Chicca
"lei si presta "per amore" a far sesso con altri di fronte al compagno"
già, per la coppia cuckold c'è questa idea dell'amore (a mio parere distorta).
si instaura un rapporto schiava-padrone.
ma, se si ama una persona, prima di tutto si rispetta il suo essere persona con tutte le conseguenze del caso, o no?

sì, veniamo bombardati da immagini esplicite sessuali in ogni dove, sicuramente per l'enorme tornaconto economico che il pianeta sesso comporta, e le menti più influenzabili non si rendono conto del lavoro di demolizione a livello psico-affettivo che avviene ai loro danni, causando problemi in questo campo.
Soldi Sesso e Droga.
il mondo gira intorno a questi placebo che tentano di annullare l'uomo in quanto entità in possesso di un cervello, di un corpo e di un'anima, offuscando la sua autoconsapevolezza. sigh!

.attimi

Anonimo ha detto...

roba per borghesucoli annoiati

Freddy Fosca ha detto...

E mediamente impotenti...

Freddy Fosca ha detto...

Certo siete degli stereotipi di donne...
Atiimi è la moralista/casalinga insoddisfatta, Chicca la virago/femminista fallita, Silvia la suora/puttana repressa. Proprio un bel campionario di galline spiumate! Ahahaha

attimiespazi ha detto...

ciao FF, bentornato.
grazie del pensiero.
io sto messa bene. ho fatto sette e mezzo e sto.
ad ognuno il suo gioco,
prima che il croupier dica
"mesdames et messieurs, rien ne va plus"..

:-)

.attimi

Anonimo ha detto...

Spiacente Ciliegione non mi riconosco negli aggettivi.....io sono semplicemente una persona che, al di là del corpo femminile che occupo, fa delle scelte a protezione di se stessa ed in base a quello che sente e che vuole. Ed io in quello che esprimo sono me stessa .....tu sei veramente te stesso in questo stereotipo "di uomo vecchio stampo forte, aggressivo e volgare" di cui ti sei rivestito? Perché vedi ....qua sta la differenza.....ed il fatto che hai una dipendenza la dice lunga hehehe. Chicca

Freddy Fosca ha detto...

@Chicca Dipendenza da che? Dai bucatini all'amatriciana?

Anonimo ha detto...

Non mi risulta che i bucatini all'amatriciana facciano cadere per strada stragiati tanto da essere raccattati dalla Pula.....almeno credo.....perché a me non hanno mai fatto questo effetto hehehehe. Si vede che tu fai sfumettare eccessivamente il soffritto hehehehehe. Piccolo galletto implume che continua a fare chicchirichì senza sapere che è un cappone. hehehe Prima o poi ti farciranno per le feste. Chicca

attimiespazi ha detto...

a Freddy con amore
da parte di Attimi e Chicca

http://www.ricettedellanonna.net/cappone-ripieno/

Freddy Fosca ha detto...

@Chicca...Ma guarda che non mi distruggo di alcol per suicidarmi, lo faccio proprio per non farlo. Certi giorni l'inutilità del mondo e degli esseri, non è sopportabile da sobri.

Anonimo ha detto...

Aaaaah ho capito.....hai optato per un suicidio lento al posto del suicidio rapido. In tutti e due i casi comunque il massimo comun denominatore è un mal di vivere che rende l'esistenza insopportabilmente noiosa. Tenuto conto che comunque qualcun altro ha già impostato un suicidio temporizzato cellulare in me.....a meno che non succeda qualcosa di veramente insopportabile nella mia vita ...io non ho intenzione di agevolare il programma imposto. (hehehe praticamente voglio quasi sfidare il/i Creatore/i). Quindi a questo punto si potrebbe desumere che io .....sono una gallina, parzialmente spiumata, ben più forte e più cinica nella sua consapevolezza e nel modo di guardare/accettare il moto perpetuo del creato con tutti i suoi dogmi e stereotipi, .....di quanto lo sia un galletto implume che fa chicchirichì come un cagnolino aggressivo per un mal di vivere fissato nel passato e concretizzatosi nel presente. SENSIBILONE!!!!!!!! Chicca

attimiespazi ha detto...


La vita ci sfida, a volte fin dalla nascita. e nell'esistenza di molti c'è sempre posto per lo sconforto più buio.
ci si può rifugiare in una melodia che incanta i sensi, oppure in una lettura che ubriaca la mente, come questa:

"La società, così come l'abbiamo costituita, non avrà nessun posto per me, nessun posto da offrirmi. Ma la natura, le cui dolce piogge cadono sul giusto e sull'ingiusto, avrà fenditure tra le rocce in cui possa nascondermi e valli escluse nel cui silenzio possa piangere indisturbato. Appenderà le stelle nella notte, così che io possa camminare a distesa nell'oscurità, senza inciampi, e invierà il vento a cancellare le mie orme, così che nessuno possa inseguirmi per farmi del male; mi detergerà nelle sue grandi acque, con le sue erbe amare mi risanerà." (O.W.)

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

Grazie...Ma preferisco l'alcolico al bucolico!

attimiespazi ha detto...

^__^… ciaussss

.a

Freddy Fosca ha detto...

@Chicca Non fraintendere noia per nausea...Moravia e Sartre. Io (me la tiro mo') li ho letti tutti e due, e non sono la stessa cosa.

attimiespazi ha detto...

@rickyfarina
comunque, Ricky, che ti succede? Quel Ricky scanzonato, umile, autoironico, sagace, attento e affettuoso verso i suoi followers, spiritoso ed accogliente, che non ha mai "urlato" confrontando le sue idee, sensibile anche alle virgole... dov'è quel Ricky? Si è dileguato insieme ai suoi riccioli?
E' questo il nuovo Ricky?
Il tuo nervosismo sta oscurando quella luce che hai dentro di te. Spero tu possa superare un disagio che forse stai attraversando. Te lo dico qui perché questi 5/6 gatti randagi che ti scrivono sono tuoi amici , ti vogliono bene e non penso di aver scritto una cavolata.
Con sincerità e con il cuore in mano, come sempre

tua.attimi

Anonimo ha detto...

È inutile Ciliegione .....sei un sensibilone conclamato ormai. Attimi .....un poco di emotività da parte tua nell'ultimo commento, scaturita dal commentino pungolante di Riccardo? Tanto gli hai risposto per le rime ....con la storia del branzino hehehe. Secondo me Riccardo si è risvegliato da un torpore e, grazie anche ai commenti pungenti di commentatori sul Fatto Quotidiano, si stia finalmente allenando nel botta e risposta e scarica nel confronto quell'aggressività e rabbia che è anche dentro di lui. Insomma il cagnolone batuffoloso mostra i canini direttamente e non solo velatamente/apertamente in alcune sue composizioni. Quando fa il birichino mordace ....a me viene ancora più voglia di pizziccottarlo tutto hehehe. Miao miao sola me ne vo per la città ....di tetto in tetto salto qua e là .....Chicca

attimiespazi ha detto...

@Chicca
Un Ricky 2.0 che.. bho.. le mie parole vogliono invitare alla riflessione su quanto fatto anche sul FQ. Poi che segua il suo vero essere per esprimersi come ritiene giusto per lui fare..

.a

attimiespazi ha detto...

Miao Mao ari miaooo

:-)

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Farina sa adoperare bene l'arma dell'ironia, è uno stragista visto che i soliti commentatori arrivano a suicidarsi tellettualmente da soli, poveretti.

attimiespazi ha detto...

Ironia / Sarcasmo
il confine è molto labile ..

sono del parere che oggi giorno, specialmente su internet, molti fanno uso della seconda figura, anche come forma di difesa da quelli che vengono considerati attacchi personali,
mentre della prima ne fa uso in maniera intelligente chi è sereno interiormente e non teme i confronti con idee diverse dalla propria.
naturalmente è un mio libero pensiero e basta..
e basta ..

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Attimi, un' affermazione sarcastica viene rivelata solo dal timbro di voce, quindi se una frase scritta ti è sembrata sarcastica rimane una tua personale interpretazione, che non dovrebbe portare ad una valutazione cmq di giudizio negativo contro Farina stesso, dato che lo accusi di non essere più ironico, anche se essendo una veterana seguace di Farina dovresti conoscerlo già, ma il fatto che tu non riconosca più lo stile ironico, anche caustico, di Farina, sembri tu cambiata e non Farina.

silvia silviaa ha detto...

...cmq Attimi, ultimamente ho notato che hai formulato di giudizi senza ragioni oggettive, ai quali hai dato piena validità, ma attenta perché un processo cognitivo di questo genere porta solo ad errore.Ciao, buona notte.

attimiespazi ha detto...

Ciao Silvia, voglio risponderti e, purtroppo, sarò lunga (cosa che amo poco).
Ricky ha postato questo articolo dove io ho lasciato una mia analisi. Ha ritenuto opportuno scendere in campo (cosa che fa raramente) per complimentarsi e farmi notare un errore (di cui lo ringrazio e di cui sorrido ancora ora), e poi ha dato il suo parere sull’amore e il rispetto evidenziando in maiuscolo una parola. Il maiuscolo, nel linguaggio internet, equivale ad urlare. Penso che lo sappiano anche i bambini. Ha voluto sbattermi in faccia una parola che poteva benissimo scrivere normalmente ma, non so per quale motivo abbia scelto questa forma. Per quale ragione questo nervosismo dopo aver letto il mio scritto? Non mi pare proprio di leggere ironia tra le righe..
Io avevo semplicemente postato un mio pensiero sull’argomento. Se voleva farmi i complimenti e farmi notare il madornale errore e discutere su un suo punto di vista e dargli forza come era giusto che facesse poteva farlo in altra maniera, o no?
E’ una persona adulta e penso che il suo intento era proprio quello che ha messo nero su bianco. Il suo riferimento all’eleganza è legato al fatto che in passato gli ho suggerito (dopo essere stato vittima di attacchi troll sul FQ) che “alla mancanza di eleganza si risponde con eleganza” (aveva scritto che non sopportava la mancaza di eleganza nei suoi lettori del FQ), quindi c’è una storia ed un riferimento specifico dietro questa sua frase che fa il verso al mio suggerimento.
Porsi in modo così aggressivo nei miei confronti mi dà l’impressione che sia insofferente verso un’idea diversa dalla sua o verso la mia persona. Nulla di male. Incasso e ribatto seguendo il mio modo di essere.

>> segue >>

attimiespazi ha detto...

>>>>

Ma, questa sua insofferenza, penso che sia legata ad alcuni accadimenti.
Ultimamente Ricky è stato preso di mira da un troll sul FQ che ha causato agitazione anche fra i commentatori che, come Ricky, sono caduti nel tranello della provocazione fine a se stessa; provocazione che , penso, abbia lo scopo di mettere in risalto le debolezze caratteriali o ridicolizzare. Quando è accaduto ciò è stato scelto di cancellare tutte le discussioni inerenti all’intervento del provocatore che, secondo me, può essere affrontato nella giusta misura guidandolo ad una discussione serena, ridimensionandolo. In più sono state cancellate anche discussioni di utenti di una certa caratura che avevano scelto di confrontarsi con il blogger in maniera intelligente. Sul FQ Ricky , a mio parere, dovrebbe imparare a distinguere le figure che desiderano un confronto sano e diretto da chi invece tenta di disturbare la comunità o lui stesso e, se ha scelto di interagire con i suoi lettori, dovrebbe anche saper accettare le critiche senza scappare.. insomma, dovrebbe imparare a proteggere la sua enorme sensibilità e confrontarsi serenamente.

Insomma, Silvia, diciamo che il mio atteggiamento scaturisce da un 2+2 fa 4 nella visione complessiva degli ultimi accadimenti che si sono verificati soprattutto sul FQ che hanno influenzato i rapporti interpersonali di Ricky che, secondo me, lo hanno portato ad un’aggressività che andrebbe dosata nei contesti giusti.
Riccardo ha scelto di rispondere a tutti quelli che intervengono commentando i lavori proposti sul FQ, ed è un lavoro IMMANE ma, sta imparando anche a gestire presenze non gradite e non sempre gli riesce nella giusta ottica. Se ha scelto di rispondere a tutti dovrà accettare sia i fiori che le spine.
Mi dispiace solo che il nervosismo o la stanchezza nel fare ciò possa provocare dei malintesi con persone di un certo tenore intellettivo che gli ronzano intorno o metterlo in maldisposizione verso altri.

Per quanto mi riguarda, l’autocritica che mi faccio è che devo imparare a farmi i cazzi miei e smetterla di dare punti di vista o “consigli” non richiesti. Devo imparare ad essere più distaccata e prenderla meno a cuore.

spero di averti chiarito alcune cose, Silvia, che fanno parte del mio assistere con costanza alle evoluzioni dei due blog di RF, anche se magari non mi sono espressa perfettamente.
può essere che sia cambiata io, come dici tu, o forse sta cambiando Ricky e che sia in corso di aggiustamento in lui.
Io non posso che augurargli di vivere questa avventura internet come ritiene più giusto per lui, senza dimenticare il suo essere, cercando di valorizzarsi come Persona e senza paure inconsce.

ciao Silvia.


.attimi

attimiespazi ha detto...

E.C.
*e che sia in corso un aggiustamento in lui*

Ricky,
FRESCHEZZA.. questa la parola per non uniformarsi a chi ti vuole diverso..segui la tua FRESCHEZZA.. sai dove trovarla..
ciao..

.attimi

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Attimi, a maggior ragione se si reputa che Farina sia nervoso e insofferente per delle questioni si dovrebbero evitare di emettere giudizi negativi in un blog personale, o quantomeno cercare dei chiarimenti in privato se proprio ti sta a cuore chiarire, perche affermare che Farina sia cambiato negativamente pubblicamente mi sembra un'operazione di valutazione che manca di benevolenza oltre ad essere un attegiamento molto superficiale che ha, alla fine, come risultato gettare cattiva luce nell'altro.Una frase scritta con diversi artifici puo' avere diversi significati, e la frase di Farina è assolutamente orientata ad esprimere un'assurdità in maniera beffarda, non una verita oggettiva, o un'operazione concreta. Comprendo cmq che tutto cio' che si scrive lascia un segno nell'altro spesso in maniera solo autoreferenziale, in maniera egoistia che attenta solo al nostro io e non a quello dell'altro, generando dinamismi psicologici di irritazione ecc.., ma poiché, Attimi, ti reputo un'amica di Farina dovresti gia' conoscere un po la sua personalità, evitando giudizi morali sulla sua persona, ma cercando piutosto un atteggiamento di comprensione,ciao

Anonimo ha detto...

Attimi...io invece penso che devi semplicemente togliere un poco di potere all'emotività. Se nessuno desse più il suo punto di vista, che per qualcuno viene recepito come consiglio imposto e non voluto, vi sarebbe il vuoto nei forum. Od eventualmente lo si ridurrebbe unicamente a delle stucchevoli idolatrie mielose a favore del soggetto/Autore.....e questo trasformerebbe il forum da arena per il dibattito libero ad un'omelia adorante. Ognuno di noi nello scritto porta i suoi valori, le sue paure, le sue tensioni ed il suo modo di scrivere...che può risultare freddo, scostante e negativo su un blog .....ma per il solito problema ...NON SI VEDE IL LINGUAGGIO DEL CORPO. La cosa a cui bisogna fare più attenzione relativamente ad un'amicizia nata su internet, e quindi non con frequentazione fisica assidua, è l'idealizzazione che ci siamo fatti del carattere/indole della persona. Quando si rileva che questa persona....fuoriesce dai rosei parametri circoscritti dove l'abbiamo inserita .....se ne resta destabilizzati e si tenta di farla rientrare. Ma in effetti cerchiamo di far rientrare la nostra idealizzazione e non la reale persona fisica. Poi c'è chi è talmente accecata dalla sua idealizzazione del personaggio, e lo difende a spada tratta qualsiasi cosa dica/faccia, considerando tutti gli altri colpevoli/poveracci e chi come te risente emotivamente, se pungolata, del mutamento improvviso del tenore del dialogo. Riccardo come tutte le persone ....può essere pecora ma anche lupo e per nervosismo sfoderare i dentini, anche perché ha comunque dimostrato nei post e nei video che ha un'aggressività latente. Se lui mordicchia ....si decide ...o lo si mordicchia altrettanto rendendo pan per focaccia o lo si strapazza di coccole virtuali. Un po' ed un po' ....secondo me intanto se ne è andato a rilassarsi da mamma. Chicca

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
attimiespazi ha detto...

sapete cosa vi dico, ragazze? Ricky aveva voglia di
mandare a fare in c......................ULOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO! qualcuno ed io ero la persona adatta... ahahahahahahah....

ci sono andata (posto pieno di gente), ma poi sono ritornata... come fanno le streghe cattive.. mmmuuuhhhaaaaaaaa

:-)

grazie delle vostre parole. ciao ..

.attimi

Devic Essence ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Freddy Fosca ha detto...

Ma fidatevi che Ricky di fondo non vi si caga proprio!...Per motivi opposti ai miei Ricky è fatto come me. Capisce solo ciò che riguarda il suo cazzo. Se non vi si è mai scopate con diletto e soddisfazione siete 0! Spiacente per voi! Galline perdute

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
attimiespazi ha detto...

*
*
***** "Galline Perdute" *****
un kolossal di prossina programmazione in tutte le multisala del globo!
- Galline Perdute - un film diretto da Steven Freddy Spielberg Fosca , sequel di Galletti Park.
Si prevede un incasso record che andrà ad abbattere il precedente.
Il titolo del romanzo originale da cui è tratto il film è sconosciuto ma, forse è un omaggio al romanzo Il mondo perduto di Arthur Conan Doyle.

***** "Galline Perdute" *****
un film imperdibile !!!!!!!!!
*
*

.attimicomingsoon

Freddy Fosca ha detto...

Beh si può fare! Sai visto che c'è un film "la morte ha fatto l'uovo" con la Lollobrigida e Tritignant...(UN CAPOLAVORO) si può fare TUTTO!

attimiespazi ha detto...

aò.. non ce lo sapevo,
e mmo' ce lo sò!!

l'attrezzatura scrausa ce l'ho, basta uno smartphone oppure compriamo una gopro hero o ce la facciamo prestare,
alla sceneggiatura ci pensi tu,
le galline ci sono.. naturalmente io apparirò in un cameo come gallina, apparirò come fa Quentin Tarantino nei suoi capolavori.
i costumisti non occorrono perché le galline parlano già da sé
location: nei luoghi più assurdi
finale che non deve acchiapparci assolutamente con la trama iniziale

quindi, ricapitolando:
Galline Perdute - regia di Quentin Freddy Tarantino.
genere: thriller-bizzarro-surreale (ma già da noi protagoniste si capisce subito il genere)
e poi, vabbè, strada facendo si correggono e si aggiustano le cose, si aggiungono , si tolgono ecc.. eccc.. l'importante è che ci sia l'idea!!!
ulteriori suggerimenti sono graditi.

naturalmente, non mi interessano i denari, se vuoi distribuirlo in scala mondiale ti lascio tutti gli eventuali guadagni, e lascio a te firmare gli autografi perché non mi interessa neppure la "famosità" :-D

però stiamo facendo i conti senza l'oste (le altre attrici protagoniste)
sarà un'idea irrealizzabile destinata a fallire precocemente?

mo' me vado a cercà er firm "la morte ha fatto l'uovo"
così copiamo quarche cosa..

se non ce l'hai visto te passo quest'artro firm
https://www.youtube.com/watch?v=UC5wwxT4PAU


.attimiproduction

Anonimo ha detto...

Interessante l'analisi logica del Ciliegione ......sia lui che Riccardo capiscono solo ciò che riguarda il loro STRABIP? E salgono di punteggio solo quelle donne che si prestano sessualmente ed in modo soddisfacente ?????? Chissa che punteggio mi darebbe Riccardo sulla mia prestazione ....10, 1/2, -5 ????? E Freddy!!!!! Allora ....+5 per masturbatio, 7 x fellatio, ecc.ecc. Chissà cosa concorrerebbe sl punteggio più alto!!!! Ti avviso Freddy che dopo cotanta tua arguta considerazione (de sta ceppa primitiva) ......IL MIO DERETANO È PIUTTOSTO MALINTENZIONATO ED INDISPOSTO NEI TUOI CONFRONTI hehehehe Chicca

Freddy Fosca ha detto...

Per la cronaca tutti pensiamo solo a godere, maschi e femmine; chi parla d'altro mente. Ti avviso Chicca che il mio batacchio, c'ha dei "problemi" di Priapismo medio/grave, e mentre Ricky c'ha la sborrata a sorpresa, la mia è a lotteria...Quindi uno dei requisiti minimi è pazienza e abnegazione alla minchia! Ahaahah lo sa la mia bella, povegiggia, che per disperazione, a volte, rimpiange gli eiaculatori precoci! Ps: Ciao ciccia se leggi! :-*

Anonimo ha detto...

Ti dirò .....non è che il godimento sessuale riempie ogni singolo momento della mia vita, non è che la mia patata schiavizzi ogni mio pensiero con pulsioni di disperata fame. Godo anche di tante altre cose....per mia fortuna.....perché in caso contrario se il mio godere si limitasse solo alla sessualità dovrei occupare buona parte del tempo a ciulare o mi ritroverei depressa ed annoiata per i tempi vuoti tra una e l'altra performance. Comunque buon Bingo e vai con l'estrazione fortunata......cinquina a questo punto è d'obbligo vista la durata della performance millantata hehehe. Chicca

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.