lunedì 13 aprile 2015

IL FASCINO ANTICO

Come si fa a diventare fascinosi come il sottoscritto? Semplice, prendete
un papà nato al Cairo e una madre fiorentina, il papà enorme, colossale,
e spiritoso, ingegnere, venditore di turbine a vapore, e la madre bella,
bellissima, pura e miss Incanto a Firenze negli anni 60, immaginatevi
questo spermatozoo riscaldato dalla luce eterna dell'antico Egitto, una
luce misteriosa, indecifrabile, geroglifico solare, questo spermatozoo
che si fionda nel corpo rinascimentale di una fiorentina incantevole e
michelangiolescamente feconda un ovulo giottesco: ecco Ricky Farina.

15 commenti:

Gaetano Gigliotti ha detto...

Che bel pensiero.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
-farinomane- ha detto...

Allora non sei made in italy?

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Farinomane, come ti chiami, non credi che sia un atto dovuto almeno presentarsi al proprio beniamino Farina?

silvia silviaa ha detto...

Ora si comprende da dove deriva certe volte quel tuo sguardo impenetrabile, misterioso e austero tipico dei faraoni d'Egitto, e l'immaginazione creativa dei tuoi scritti, con quegli slanci folgoranti tipici di artisti fiorentini.

-farinomane- ha detto...

Ciao Silvia, gli atti dovuti non mi piacciono e poi qui nessuno si firma con nome e cognome a parte Ricky Farina, siate comprensivi. Non ho nulla da nascondere, è più un discorso di privacy. Per cui se lui volesse potrei togliergli alcune curiosità in via privata

rickyfarina ha detto...


Vi(t)a privata e Ricky Farina sono un ossimoro!

-farinomane- ha detto...

Lo so benissimo. Ma io non sono Ricky Farina.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Farinomane, che alcuni non si firmano non giustifica il fatto che non presentarsi non sia rispettoso verso l'altro. E poi gli atti dovuti sono importanti in qualsiasi relazione umana, anche virtuale cibernetica come in un blog o in un socialnetwork , affinché tutto ciò che diciamo, scriviamo, come in questo caso, abbia modo di rispondere, innanzitutto, alla nostra coscienza, cioè a quei principi orientati solo al rispetto dell'altro, e anche alla nostra persona. Senza il rispetto etico di base elementare, ricorda, non ci sarebbe mai stato progresso civile nell'uomo, perché l'etica modifica la genetica, e letica dei piccoli gesti è lunico inizio per lo sviluppo nostro e quello degli altri.Ciao.

12

-farinomane- ha detto...

Silvia, che io sappia (frequento da poco tempo) nessuno di voi si è mai presentato in questo spazio (almeno a me), ma questo mi è irrilevante e non l’ho mai considerato un gesto irrispettoso. Penso che in alcuni casi certe formalità si possano anche superare. A me interessa poter conoscere quello che davvero pensano e sentono altre persone, soprattutto se diverse da me, a partire dall’autore del blog in questo caso. Mi sembra che questo emerga abbastanza se si ha la voglia e la costanza di “ascoltare” le innumerevoli tracce che ciascuno di noi lascia su questo spazio cosiddetto virtuale.

Ritengo di mostrare rispetto nei confronti dell’altro e rispondo sempre alla mia coscienza ma non perché lo consideri un atto dovuto.
Penso sempre a e a lungo quello che poi scrivo. Quello che scrivo è la mia verità. Quello che scrivo rimane (non posso cancellarlo o modificarlo successivamente anche se volessi).

Inizialmente seguivo Ricky Farina prevalentemente su you tube, ma io non ho un canale e non ho mai potuto commentare i suoi film. Poi ho scoperto anche il blog e siccome più guardavo i suoi video e leggevo i suoi scritti e più mi appassionavo, ho semplicemente sentito il bisogno di farglielo sapere scegliendo un nome esplicativo, senza nessuna esigenza di portare qui la mia storia (anche se la storia di ciascuno di noi emerge inevitabilmente da quanto scriviamo).

Anonimo ha detto...

Grazie Farinomane.
C.

silvia silviaa ha detto...

Farinomane non è formalità, ma buon senso. Degli altri utenti Farina è probabile che abbia i contatti Facebook ecc.., e cmq così come tu hai sete di conoscenza della persona di Farina, postulandogli anche domande particolari, allo stesso modo anche Farina può avere quel desiderio di conoscenza della tua persona, infatti più volte ti ha spronato a farti conoscere, ti ha scritto anche il suo contatto facebook in stampatello, non mi sembra gentile lasciare nell'altro un senso di mancata conoscenza dopo una palese richiesta, tutto qui. Ciao.

-farinomane- ha detto...

Silvia non ho un profilo facebook e nemmeno ecc … (blog? altro spazio web?..). E comunque anche in quel caso trattasi di “via privata” intesa come più riservata. Ricky ha qualcosa da dire e ha deciso di farlo mettendosi a nudo, facendo conoscere tutti i dettagli della sua vita oltre che generosamente la sua arte. Non è una persona caratterialmente riservata. E' un artista. Io nella mia vita quotidiana sono una persona riservata nel senso che non condivido tutto della mia vita con gli altri. Al momento non ho niente da esprimere di interessante o forse non ne sono capace. Comunque non ho questa esigenza.
Le mie domande “particolari” (??) sono stimolate da quello che l’autore posta. Se vuole può non rispondere
e se risponde spero non lo faccia solo per gentilezza. Anche io ho risposto alle sue domande e ho cercato di farmi conoscere ma non posso scrivere tutto in un commento tipo tema di presentazione. Potrei rispondere in altro modo se è lecito, ma anche no visto che le modalità fanno la differenza e si è parlato di rispetto.
Ciao Silvia

ps: quella di Ricky è comprensibile curiosità, vuole avere idea di chi lo segue. L'avrei anch'io al suo posto.
La sua sete è altra...come ha più volte scritto e detto.