domenica 20 settembre 2015

LA MOGLIE DEL MIO VICINO 6

9 commenti:

silvia silviaa ha detto...

Ciao Riccardo, potresti fare qualche trasmissione di quella tua rubrica chiamata "il critico ballerino" , visto che conosci molti film belli,ciao.

rickyfarina ha detto...


Sarai accontentata, ma ci devo pensare bene, sono i video più difficili da fare. Ciao Silvietta.

silvia silviaa ha detto...

Si in effetti una critica è un lavoro complesso perché riguarda varie aspetti. Forse questo link potrebbe dare un' idea in più, chissà. http://www.marcotogni.it/recensire-film/

silvia silviaa ha detto...

Anche la rubrica i miei disgusti era interessante.ciao.

-farinomane- ha detto...

Il mistero del vicino...ma parliamone. Non ho mai capito perché la voce del marito della moglie non si sente. Sarà afono?

attimiespazi ha detto...

ciao frnm,
anche da me c'è una signora al piano di sopra che urla a squarciagola inveendo contro il marito. si sentono anche volare oggetti e rincorse folli. anche in questo caso il marito non si sente, non fiata. solo alcune e rarissime volte l'ho sentito ribattere. una volta sono arrivati i carabinieri e per alcuni mesi tutta la palazzina è stata in pace ma, poi hanno ricominciato.
ti assicuro che a me fa venire i brividi e mi rattristo pensando a come due persone possano gettare la propria vita in recriminazioni e sopportazioni che andrebbero estirpate con la decisione di lasciarsi. quando lei rientra dal lavoro lui esce di casa e vaga per le vie della città senza un perchè e un percome. Spesso parlo con questa signora: è depressa e lavora come una matta. la ascolto e mi rendo conto che qualche frase di circostanza non potrà mai esserle di consolazione ad una vita che non è vita. non vado oltre l'ascolto perchè sono situazioni delicate.
queste situazioni mi lacerano l'anima e quando succede di sentirla urlare esco di casa con il magone alla gola, esco per non sentire e per illudermi che una vita non può consumarsi in quell'oceano di tristezza e solitudine che gronda dalle pareti del loro appartamento. no, non deve ..

.attimi

PS: in altra occasione, forse - non ora - ti racconterò di come ho contribuito nel mio piccolo, solo perchè mi trovavo lì in quel momento, ad evitare il suicidio di una signora.. stava per buttarsi dalla finestra, una signora che era piena di vita e che improvvisamente è crollata..
storie di ordinaria solitudine..

il mondo è un immenso pozzo di solitudine
e non si sa quanto sia profondo.

sigh..


-farinomane- ha detto...

Attimi...se ci sarà occasione ascolterò con interesse.
Purtoppo la vita è una strada sottile come una lama. Basta poco per cadere di qua o di là. E' tutta una questione di equilibrio.

attimiespazi ha detto...

sì,frnmn, hai reso perfettamente l'idea..

desidero inviarti questo video che ho tra i miei preferiti del mio canale YT
un video che mi è stato inviato da una mia cara amica youtuber e che ora giro a te, sicura che la canzone sarà di tuo completamento gradimento (a me piace da matti, prima o poi ci farò un video mio)
Le scene sono tratte dal film "Perfect Sense" non distribuito in lingua italiana e che ha una trama particoalre e significativa che si lega un pochino ai nostri discorsi.
qui il video
https://www.youtube.com/watch?v=KH7icBnCTrQ

e qui le informazioni sul film
https://it.wikipedia.org/wiki/Perfect_Sense

.attimi

-farinomane- ha detto...

Grazie del gesto Attimi.
Ho letto la trama del film che mi incuriosisce...Per alcuni fatti mi ha ricordato "Cecità" di Saramago