giovedì 17 novembre 2016

I GIOVANI

Mi è venuto a trovare il mio amico Antonello da Siracusa,
stasera ha cucinato lui, mi ha preparato delle ottime
melanzane grigliate con olio e aceto, poi sul tardi siamo
usciti a bere una birretta sotto casa in un posto pieno
zeppo di giovani. Lui mi ha detto : " Che bella la gioventù".
Stavo per dire sì, poi guardando meglio mi è venuto da
dire : "Andiamo via, questi stronzetti mi stanno facendo
sentire vecchio ". Ora non mi rimane che sbraitare se
vedo due giovani slinguarsi per strada e poi sono pronto
per l'ospizio, con sputacchiera e televisore acceso.

5 commenti:

Anonimo ha detto...

... e poi diventerai anche saggio. Questo è il guaio peggiore!

Giulio

altrimentipresente ha detto...

Niente è come la giovinezza. Gli uomini di mezza età sono sotto ipoteca della vita, i vecchi si trovano nel suo ripostiglio. Ma i giovani sono i Signori della Vita. La giovinezza si trova di fronte a un regno. Ogni uomo nasce re, ma la più parte degli uomini muore in esilio, proprio come la più parte dei re.

(Oscar)

Freddy Fosca ha detto...

Certo che deve essere di gran compagnia, uno con delle uscite così assolutamente formidabili!...
“Ah! Come è bella la giovinezza, Pinçon!”...

Gaetano Gigliotti ha detto...

Una persona cara, e anziana mi diceva: "i vecchi sono al cimitero".

Anonimo ha detto...

"Antonello da Siracusa". Sarà mica un pittore siciliano che ha cambiato residenza?


Giulio