mercoledì 14 ottobre 2015

TERRY

Avere a che fare con se stessi è sicuramente
un bel problema. So di essere mortale, ma non
so chi sono. Ieri sono stato al funerale di una
amica di mamma, è morta a 88 anni, e quando
siamo andati a trovarla in ospedale poco prima
che morisse Anita detta Terry ( Terry da terribile,
affettuoso nomignolo per il suo carattere ) ha
detto " il pavimento di questo ospedale è fatto
di colla? ", quasi un presentimento, una non
possibilità di fuga, ma Terry è riuscita a morire
a casa sua, ha vinto la colla del pavimento di
un ospedale. Come sono belli i funerali, sono
bellissimi, percepisci con purezza assoluta il
dolore, e la dignità del dolore, la sua eleganza
fragile, senti la violenza rivelatrice del silenzio,
e nel silenzio senti fraternità col nulla, la polvere,
ma anche con il cuore umano, e in quella chiesa
ogni cuore era un solo battito, una sola paura.
Pepè, il marito di Terry, ci ha detto : " tremo,
ma non so se è il freddo o la paura, come si
fanno a distinguere? ". E quando ha saputo
della morte della sua Anita ci hanno detto che
Pepè ha pianto come un bambino, un bambino
di oltre 90 anni. Mauro, l'unico figlio, ha nascosto
un pacchetto di sigarette nella giacca di sua
madre, Terry era una ex fumatrice, e gli ultimi
anni della sua vita sono stati senza tabacco,
per lei una tortura indicibile. Poi l'estremo saluto,
e il forno, un addio per accendere tutto
il pacchetto in una volta sola, in una combustione
d'amore. " Le mamme non dovrebbero mai
morire " così mi disse tanti anni fa la merciaia
sotto casa mia. Che fine avrà fatto?

23 commenti:

Freddy Fosca ha detto...

La merciaia? È morta sotto un TIR...un sedici ruote... L' ha stirata come un tappetino! Povegiggiaaaaa! :'-(

-farinomane- ha detto...

Bella questa visione elegante dei funerali. Ma io purtroppo non ce l'ho.
Pensa che, potendo, non vorrei partecipare neanche al mio.

Anonimo ha detto...

Fredduccio sono ancora qui per teeeeeee! Voglio farti una correzione sulla tua percezione di me "so tutto io" .......la rettifico con "questo è quello che penso io". Il fatto che io esprima un pensiero senza continuare a ripetere come una povera timida sottomessa "scusate se lo penso" "perdonate mia umilissima opinione" e bla bla bla non vuol dire che io sappia tutto...perché è impossibile. Inoltre ciò che è vero per me non può esserlo necessariamente per gli altri. Però "QUESTO E' QUELLO CHE PENSO IO ORA" è un dato di fatto....se no non lo esprimerei. In quanto al discorso di "mezzana" ...siamo fuori pista. Ho fatto una pura e semplice "mia" (va bene così!!! hehehehe) valutazione sulla situazione della vita privata/artistica, dell'uomo, che ha messo la sua vita ed il suo pensiero in vetrina. E sono convinta che ci sarebbero più persone disposte a commentare questo blog...se non fosse per certi commentatori/commentatrici che prendono più vita, in modo a volte persecutorio (ma c'è anche da capirla povera stellina), verso le eventuali new entry... piuttosto che per i post del blogger stesso. Nel mio caso è poi palese e lampante, perché non ne ho fatto mistero né qui né nell'altro blog, che non trovo le parolacce/volgarità molto costruttive per un dialogo o per l'immagine di se verso gli altri (poi inutile lamentarsi di essere snobbati). Le parolacce, nella lingua italiana, hanno una connotazione chiara di aggressione ed utilizzate per mortificare/sottomettere il prossimo. Termini come "coglione-cagne-puttane-troiette-merde" ed altre amenità similari (dette direttamente... come te o poeticamente come Riccardo) denotano ...come lo possiamo definire.....un "briciolo" di misoginia da parte dell'uomo? La cosa paradossale poi è quando si denota anche una chiara complicità da parte della donna in questa misoginia. Donne che non hanno nulla da dire se la "caduta di stile" la fa l'uomo ma che sono pronte a puntare il dito se di rimando (per un confronto di verifica se la cosa sia accettata) lo fa una donna. Si parla tanto di razzismo di etnia/razza/nazione ......ma il primo razzismo è quello tra i sessi e continua ad imperare... ora ancor di più perché la donna, grazie ad una discreta indipendenza monetaria ed alla presa di coscienza, si è appropriata della "libertà di scelta". E questa libertà di scelta continua a non venir digerita dalla mentalità dell'uomo medio che continua a non accettare il rifiuto e che ha mosso mentalmente verso "l'emancipazione del rispetto" ben pochi passi. Poi retrocedendo a monte, per me si ritorna sul discorso ...di cosa viene insegnato/dato ad una nuova vita dal Padre e dalla Madre e da quanto siano presenti per ostacolare certi messaggi/stereotipi negativi che vengono veicolati dalla religione/dal mondo commerciale. C.

altrimenti presente ha detto...

"Non si dovrebbe mai parteggiare per nulla... Prendere una parte è il primo passo verso la sincerità, la serietà segue subito dopo e l'essere umano diventa un seccatore."

quindi

"Mi piace parlare di fronte a un muro di mattoni: è l'unico interlocutore al mondo che non mi contraddice mai."

infatti

"Mi piace sentirmi parlare. E' una delle cose che mi diverte di più. Spesso sostengo lunghe conversazioni con me stesso e sono così intelligente che a volte non capisco nemmeno una parola di quello che dico."

concludendo

"Avere una buona educazione, oggi, è un grande svantaggio. Ti esclude da tante cose"

(Oscar)

altrimenti presente ha detto...

ops, dimenticavo
sono lieto ricordare che oggi, 16 ottobre, si festeggiano i 161 anni di un Genio Immortale: il sottoscritto.

(Oscar)

Freddy Fosca ha detto...

Chicca costruisci troppe teorie...La veritá è sempre semplice.
PS: Attacchi dei "pipponi" veramente notevoli....Bisognerebbe farti pagare 5 centesimi di € a parola.....

altrimenti presente ha detto...

"La verità è raramente pura, e mai semplice."

(Oscar)

Anonimo ha detto...

Teoria? Mi sembra di aver detto un puro scontato dato di fatto. Comunque posso anche utilizzare un lessico conciso, e terra terra, più comprensibile al tuo modo di esporti sul blog. "Te ed altri, complici delle oche che vi reggono il gioco, siete dei poveri coglioni frustrati , dal presente e dal passato, piagnoni che sfogano verbalmente la loro rabbia/delusione per non essere più di tanto cagati dalle donne che vi interessano". Hai ragione Freddy ....detto così è più semplice .....e soprattutto risparmio nel qual caso dovessi pagare 5 cent a parola. hehehehehe Senza rabbia e senza offesa ....mi raccomando! hehehehe

Freddy Fosca ha detto...

Questa di Wilde la conoscono pure i sassi!.... E mi sembra anche troppo semplice, per essere...vera!

Freddy Fosca ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Freddy Fosca ha detto...

Tiè Chicca https://youtu.be/ZrBkBoz0_Hw con questa faccio contenta te, altrimenti presente e Ricky.

attimiespazi ha detto...

Ciao Chicca,
per te voglio riapparire un'attimo in questo spazio.
Sincerità per sincerità non ho ben capito perchè l'autore chiede a noi commentatori di scusare il Freddy in nome del suo stile
e non invita lo stesso a scusarsi per tutti gli epiteti affibbiati a destra e a manca.
forse sono robe da maschi (non da Uomini), incomprensibili per noi donne.
che te devo da di'?
il mio parere l'ho già spiegato in altro post che sono sicura hai letto e non voglio ripeterlo. e rimane sempre quello il mio sentire, e mi faccio da parte perchè non mi piace essere insulatata gratuitamente su internet come nella vita.
Quindi, toni di sconcerto mi rimangono ma, come mi ha spiegato benissimo Freddy, ognuno è libero di lasciare il luogo dove non gli aggrada stare. Se il padrone di casa ritiene giusto così, se ritiene che queste siano soltanto chiacchiere allora inutile scaldarsi tanto e va rispettato il suo volere.
come ha fatto intendere Ricky
sono soltanto parole
è soltanto un blog
si cazzeggia e basta e ci si insulta perchè tanto siamo solo figurine.
Con una differenza, però: che bisognerebbe capire (se si è davvero intelligenti) quando si esagera e quando è tempo di scerzarci su.

ciao Chicca, elucubra un pochino meno e viaggia un pochino più in superficie con un pizzico di leggerezza in più. starai meglio.
perchè, ricorda:
nulla è ciò che appare.

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

Anche in versione gaya...
https://youtu.be/DprNsG02pDI

attimiespazi ha detto...

@Freddy
GRAZIE!
:))

nelle informazioni video
pessima traduzione da
La Ballata del Carcere di Reading

comunque, è vero
ogni uomo uccide ciò che ama

l'hai letta tutta la Ballata?
ti passo questa traduzione in mio possesso, abbastanza rara che ho divulgato in
internet e che io ritengo la più consona in linguaggio
traduzione da Clemente Fusero per il vecchio editore I corvi dall'Oglio datato 1962.

http://altrimentipresente.blogspot.it/p/la-ballata-del-carcere-di-reading_17.html

si capisce che amo Oscar??

:)))

ciaouuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

.attimiinvolo

Freddy Fosca ha detto...

Quanto vi attaccate alle parole però! Da brave femminuccie invece dovreste attaccarvi di più al CAZZO! Aahahaha

Anonimo ha detto...

Anche "se non uccidi" a parole .....non ti preoccupare che sopravvivi ugualmente Ciliegione. Il viaggio in superficie con leggerezza è quello che viene messo in pratica abitualmente e su questo modo di affrontare molti ci lasciano illusioni/dolori/rabbia. Per il resto io sto benissimo.....chi si è scaldato è qualcun'altro, non io che ho solo espresso dei pensieri miei. A già dimenticavo! qui come nell'altro blog ...più di uno mi ha detto che .....è tutta ironia, tutta recita, tutta finzione, tutti personaggi. Infatti fuori da questo blog .....scommetto che sareste molto ma molto diversi e non sareste così tolleranti e leggeri su alcune cose postate e commentate. Io rimango uguale qui e fuori.

attimiespazi ha detto...

@Freddy
non preoccuparti per noi, Foschino Cucciolino ..

attimiespazi ha detto...

@Freddy
dimenticavo di lasciarti questo perchè me piaci 'na cifra e, piano piano, stai venendo fuori :

SMACK!!

ahahahah

:-))))

.attimiaffettuosona

Freddy Fosca ha detto...

Aspetta che mi prendo la prossima sbornietta di vodka...Vedrai che ci ripensi! ;-)

attimiespazi ha detto...

@Chicca
sai? spesso mi faccio un "viaggio": noi tutti insiema a cena.
per far contenta Silvia potremmo immaginarla un po' come l'Ultima Cena.
:)
a capo tavola è Il Maestro che stenta a tenere a bada i suoi follower/apostoli. E' Riccardo Da Vinci (genio) in arte Ricky Truffaut (regista)
Ci incontriamo e scopriamo che siamo l'esatto opposto dell'immaginie che ci eravamo fatti l'uno dell'altra o magari ci accorgiamo che non ci eravamo sbagliati sull'immagine che ci eravamo fatti di quel commentatore/trice e, soprattutto, ci accorgiamo di non essere degli avatar.
e ci accorgiamo che Ricky è ancor più gentile ed ancor più bello di quello che sembra ..
chissà che un giorno non possa realizzarsi questo film?

.attimi

Anonimo ha detto...

Ciliegione ....se beccate la femminuccia giusta che si attacca al "bip" rischiate l'evirazione hehehehehe e poi non c'è più nulla di pericoloso del pericolo celato. Se tu hai un aspetto da belvone in automatico la controparte si mette sulla difensiva ma .....se si ha un aspetto da angioletto .....vieni colpito quando meno te lo aspetti e proprio quando non te lo aspetti a priori hehehehehe E' più saggio temere un lupo travestito da pecora.... che viceversa.

Freddy Fosca ha detto...

Ma io sono una bestiola con l'animo da angioletto...la mia "controparte" pure. Certi giochetti li facciamo solo per amor di svago. Quindi?

Anonimo ha detto...

Quindi nulla Ciliegiotto.....abbiamo solo confrontato dei pensieri. Io ritengo che dare un'immagine di se diversa da quello che si è realmente ....sia controproducente per la credibilità della persona. Dare poi una immagine forte/forzata/sfrontata/aggressiva....lo ritengo piuttosto rischioso datotutte le persone con scarso equilibrio che ci sono. Il rischio di beccarne una di indole veramente aggressiva è alto ed in questi casi "l'anonimato" è la scelta più consona.