martedì 2 febbraio 2016

FAMILY GAY

68 commenti:

Anonimo ha detto...

Calzante alla turbolenza sociale del momento un inizio filmato con dei nuvoloni neri. I gorgheggi femminili mi hanno sorpreso non poco però ......se mi delucidi perché non ne capisco la scelta. Contrastante anche il confronto con il Family Day molto festaiolo/gioioso/motivante specialmente da parte degli esponenti religiosi ...ed il Family Gay che, benché colorato ed estroso in alcuni esponenti, risultava piuttosto contenuto/compassato/silenzioso/pudico. Egoisticamente sono felice di non trovarmi nelle problematiche connesse all'unione omosessuale. Ogni persona ha diritto a seguire l'inclinazione del suo cuore e dei suoi desideri, purché sessualmente non si tocchino minori e non si faccia violenza. Qui è una lotta per il raggiungimento da parte delle unioni gay degli stessi diritti delle unioni etero. È ovvio che più ci si allontana da quanto predisposto dalla natura .....uomo+donna=procreazione ......sorgono problemi sia a livello psicologico che funzionale che legislativo. Sulla questione se sia giusto permettere adozioni ad una famiglia gay per paura che si verifichi un imprinting verso l'omosessualità ....posso solo rimarcare che sino ad ora omosessuali sono nati proprio da coppie etero. Se si contesta in toto il diritto che una coppia gay possa adottare figli ....di riflesso si contesta anche il diritto di un genitore naturale di allevare la propria prole, nata da una precedente relazione etero, con il nuovo compagno omosessuale....cosa che si sta già verificando. In una cosa sono concorde con un relatore del Family Day .....queste unioni incentiveranno la commercializzazione della procreazione con grandi profitti e per chi non avrà grandi risorse economiche la scelta è l'illegalità o la frustrazione emotiva (ma in fondo già succede). Ormai l'orientamento è globalizzare e commercializzare tutto. Chicca

vitanuova ha detto...

Un film d'amore....amore sotto ogni forma: fratellanza, amicizia, amore religioso, amore omosessuale, amore eterosessuale. Amori che possono esistere grazie alla vita donata da un orgasmo.

rickyfarina ha detto...


Brava Chicca. Il lamento iniziale è una cosa che posso capire a fondo solo io! Si tratta di una donna che si tocca da sola sotto la doccia, è la mia scelta: la monosessualità. Per il pubblico è il piacere, il puro piacere fisico che si staglia contro il cielo, altrettanto puro, e che incontra il volto di una donna "family day ".

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Se un bambino è l'insieme di un uomo e di una donna, per crescere in armonia nella sua identità necessita di un riferimento maschile e femminile, e questa non è un'opinione ma una regola che, come per ogni regola naturale che governa il mondo, esiste per stabilire ordine, armonia, giustizia, sopravvivenza. Gustificare adozioni gay solo per il fatto che è da coppie etero che sono nati omosessuali vuol dire negare egoisticamente un diritto ad un bambino di avere cmq un padre e una madre, dato che è nato da essi, e siccome un bambino non può scegliere quando è molto piccolo il family day sta difendendo giustamente un diritto importante del bambino e, in virtu di questo, l'adozione gay risulta solo capriccio egoistico, solo un "diritto"dunque personale tradotto nel volere un un bambino al quale però viene negato a priori il suo pieno diritto naturale: che gli venga restituito quel padre e quella madre che cause accidentali della vita gli han tolto.

Anonimo ha detto...

Mah...io non vedo in queste immagini niente che neanche lontanamente richiami alla gioia, alla libertà, alla compassione e tantomeno all'amore, anzi mi sembra che questo soffermarsi su volti mostruosi, inespressivi (o forzatamente espressivi) ,quasi catatonici ,grotteschi, si voglia proprio sottolineare il contrasto tra le qualità morali, amorose, di accoglienza:(qualità positive a cui tanto l'uomo religioso anela) e la degenerazione , la contaminazione effettiva che l 'ottusità degli uomini ha generato!No ,non intravede etica e amore in queste parole vuote e lobotomizzanti, ma solo moralismo e desiderio di tenersi discosto dall "altro"...provo dispiacere e nausea nel vedere questi tetri balletti di giovani suore e preti (spesso vistosamente gay), che inneggiano al nulla!Non odo celestiali melodie e non sento profumi paradisiaci , ma solo suoni stridenti e un vago odore di zolfo...
Ah., a proposito di note: complimenti all'autore per la scelta della musica"stonata"della famiglia Adams ...in effetti al family day , oltre che mostruoso, mi pare proprio tutto un po' stonato !
Kat

Anonimo ha detto...

...e non so perché ma dopo questo video mi viene una gran voglia di cantare a squarciagola:" solo una sana e inconsapevole libidine salva il giovane dallo stress e dall'azione cattolica....yeaaaaaah!!!"
Kat

attimiespazi ha detto...

Premetto che non ho ancora visto il video ma sto leggendo i commenti. Da stamattina mi sono ritrovata in un delirio stradale a causa di un grosso incidente sull'A14 che ha mandato il traffico in tilt, ed ora mi sono rifugiata in un bar.
Abozzo il mio punto di vista.
Due esperienze indirette mi hanno fatto capire che adottare un bambino qui in Italia non è affatto facile per una coppia etero,quindi non so a quali torture dovranno far fronte le coppie omo. Adottare un bambino non penso che sia un atto egoistico, anzi è il contrario, e penso che la figura sia paterna che materna non dovrebbero mancare, ma è pur vero che fior di ragazzi e ragazze sono cresciuti magnificamente senza una mamma o un papà perchè sono stati donati loro l'amore e i principi morali essenziali che un essere umano dovrebbe avere.
Preferisco che un bambino viva in una famiglia omo ma felice, coscienziosa e rispettosa della crescita del proprio figlio che in una famiglia etero ma infelice che ha scarsa attenzione per i propri discendenti.
Il discorso è complesso e molto delicato.

Spero che il delirio in strada sia diminuito, mi rimetto in marcia.
A presto (si spera)
:-)

.attimi


vitanuova ha detto...

Ho riguardato il film ed io non vedo mostruosità: la bellezza e l'amore sta in ognuno di quei volti! Mi ha colpito l'immagine della signora anziana seduta sul prato. .....vita....

silvia silviaa ha detto...

Attimi, diventa adozione egoistica nel momento in cui il proprio desiderio di volere un bimbo va a negare unl diritto altrui, cioè quello del diritto inalienabile del bambino orfano di avere un padre e una madre, e dato che un bambino non ha piena maturita psichica bisogna necessariamente affidarsi al dato di natura come principio. Non distrarti, attenta a non sbagliare carreggiata, buon viaggio.

Anonimo ha detto...

...eh sì, per me nessun film permeato sulla tolleranza e sull 'amore...tantomeno sulla bellezza!!!Forse denso di inquietudine verso certi "slogan" , parole, comportamenti!La stessa che ho provato ossevando questa manifestazione in maniera più diretta e senza il filtro di uno sguardo altrui...per me grottesca e orripilante!!!Certamente abbiamo visto due film opposti, però che meraviglia: vedere le cose da ottiche diverse!!
Kat

attimiespazi ha detto...

Acc.. Silvia, non ho gli attributi sferici maschili ma ho provveduto a toccar ferro con indice e mignolo, non si sa mai.. ahahah..
:-))))

a dopo (se il mio scongiuro va in porto)



.a

romano baldi ha detto...

Lascio perdere le polemiche sul Family day.Mi bastano - stupendi- i primi 37 secondi, tutto il resto per me e' ripetizione, scandita benissimo s'intende, ma pur sempre ripetizione: quell'orgasmo-lamento che si staglia contro un cielo che e' come il coperchio di una bara, e poi quello sguardo di solitudine e smarrimento assoluti, irredimibile di quella donna non piu' giovane, con gli occhiali, in slow motion.Siamo tutti soli, sembra voler comunicare Ricky, e da li non si scappa ne col sesso, ne con la famiglia, ne con i pro e contro family day.37 sfumature di solitudine assoluta, quei 37 secondi iniziali.Mi bastano quelli.

romano baldi ha detto...

....45 secondi,mi scuso, non 37, ma il resto non cambia....

Anonimo ha detto...

Wow !!!!Che dire!? Trovo fervido e acutissimo il suddetto commento...davvero!
Kat

-farinomane- ha detto...


Se per quanto riguarda le unioni civili, omosessuali e non, mi sembra che non ci sia più molto da dire, tanto che esiste una netta maggioranza di opinioni a favore dei diritti relativi, la questione delle adozioni divide ancora molto l'opinione pubblica e, a mio parere, andrebbe affrontata a parte visto che il tema è delicatissimo e i casi da considerare sono molteplici (genitorialità omosessuale, eterosessuale e singola).
Quello che deve essere chiaro, però, è che la questione dei diritti dei cittadini di fronte alla legge non può che avere una connotazione laica.
Io, "in piazza San Giovanni", attraverso gli occhi di Farina, ho visto non "il popolo" ma l'azione cattolica.
Il family day ha assunto una forte connotazione religiosa. Preti, suore, gruppi parrocchiali, che suonano e cantano lodi al Signore e alla Madonna ( che, attenzione, non è il capo per cui lavoriamo. Quello è un ruolo maschile! ) e lo fanno creando gruppi distinti tra maschi e femmine (mi ricorda le scuole del tempo passato) che contrastano paradossalmente con l'immagine di certi volantini su cui, accanto a figure vicine dello stesso sesso, appare la scritta ripetuta "è sbagliato". Dappertutto bandiere col volto di Gesù e Maria.
Nessuno però nei "comizi" sottolinea il fatto che, da quel che ci è dato sapere, Giuseppe ha sposato una donna già incinta e adottato un figlio non suo...e nessuno può essere certo che Gesù non fosse omosessuale. Maria, concepita senza peccato ( perché il piacere è peccato), ha quindi messo al mondo una creatura senza il contributo genetico maschile andando contro natura.

I volti ripresi dal regista e scelti per il montaggio sono tutti ugualmente belli, brutti, espressivi e catatonici, per entrambi gli "schieramenti". Quello che cambia magari è il modo di "agghindarsi" delle due "fazioni", ma in fondo, come credo ha sempre cercato di comunicare Farina, siamo tutti uguali di fronte alla necessità di amare ed essere amati. Non a caso è stato scelto il pezzo della "famiglia Addams" a ricordarci che anche i mostri, quelli che sono lontani dalla cosiddetta "normalità", i diversi, hanno diritto a creare una famiglia, che rappresenta semplicemente un modo di esorcizzare la paura di non essere amati e di rimanere soli. Alla fine trionfa per tutti l'amore come sottolinea il pezzo musicale conclusivo "l'amore è una cosa meravigliosa".

Alcune note poetiche che fanno la differenza: il suono dei passi sul ciottolato e la visione dei palloncini che si rincorrono in cielo ( sembrano spermatozoi che inseguono la vita)

Ps: Perchè le canzoncine cantate dai cattolici sono sempre così infantili a qualsiasi età?









attimiespazi ha detto...

Bel reportage e ottima collaborazione con Gelo.

In alcuni tratti ho avuto i brividi dell'orrore per le parole ascoltate. è la verità e spero di non offendere nessuno.
penso che chi vorrà formare una famiglia nel concetto classico del termine potrà continuare a farlo liberamente ma, ascoltando gli intervenuti della manifestazione FDay sembra che questa legge in discussione voglia cancellarla e che voglia imporre una "novità" che, certamente, crea sconcerto, domande e dubbi nella nostra piccola Italia.
Forse che bisognerebbe ragionare in maniera un pochino più ampia sul concetto di famiglia che va evolvendosi con i tempi??
La figura paterna e materna sono importantissime, non lo metto in dubbio, saranno assolutamente sempre presenti nel mondo e non verranno cancellate. però, le due figure dovrebbero saper esercitare il loro ruolo di genitori ed educatori per il bene del figlio ed essere genitori non è per nulla facile, e non è detto che uomo+donna siano genitori più bravi di uomo+uomo o donna+donna o solo uomo o solo donna. quindi, ripeto, è il concetto di famiglia che va rivisto e che può presentare delle variazioni.

Ho cercato in internet qualche lettura da proporre a Silvia e ho trovato questo.
io ho letto solo l'articolo principale e non mi sono soffermata sui link di approfondimento proposti, ma mi è bastato per farmi capire verso quale indirizzo si rivolgono le mie idee personali che ho difficoltà ad esporre con parole mie e che si possono riassumere in questa frase (idee che, naturalmente, possono essere sensibili di ulteriori variazioni)

"l’essere buoni o cattivi genitori non dipende dall’orientamento sessuale né dall’essere donna o uomo ma da come si è, da soli e in coppia, e da quello che passa nella relazione col proprio figlio."

https://it-it.facebook.com/notes/s%C3%AC-ai-matrimoni-gay/dici-no-alle-adozioni-ai-gay-informati-su-cosa-stai-dicendo-no-leggi-qui/543935742348273/

c'è una foto bellissima e l'articolo conclude con questa frase:
"Per te la famiglia è solo uomo e donna con figli? Va bene, ma non cercare di imporre tu a noi questo modello di famiglia; nessuno ti vieta di costruirti la tua famiglia con padre, madre e figli, ma allo stesso tempo noi vorremmo poter costruire la nostra famiglia come la preferiamo.E scusaci tanto."

Io non sono contraria alle adozioni da parte di coppie omo, ma sono contraria all'utero in affitto.

PS: Silvia, adottare un bimbo non è "volere un bimbo" come hai scritto tu (non è un oggetto) ma è il desiderio di genitorialità da parte di due persone che si sentono famiglia e desiderano integrarla con un individuo da amare e crescere. è un atto d'amore immenso e di enorme responsabilità.

PS2: Bellissimo intervento il tuo frnmn

.attimiopinionistafreelance

Fartani Frostico ha detto...

Che tristezza.....inconsapevole moltitudine volutamente distratta da superflui valori. Il mercato ride a queste piazze e sbranerà quei figli che tanto fintamente avete a cuore. Ballate, cantate, inebriatevi dall'infantile senso di appartenenza speranzosi di essere almeno minimamente percepiti come essere umani.
Se filmavi un derby era lo stesso.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Hooo, finalmente uno che parla chiaro! @Frantani, beato Lei che non è distratto da superflui valori, non solo: Lei non è mai stato sbranato dal mercato, come i Suoi figli(se ne ha)è immune! Non s'inebria di danze e canti con la speranza di essere un umano. Se non commentavi era lo stesso.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Att.: ok, sei contraria all'utero in affitto, ma(se fosse possibile)obbligheresti tutte le donne che lo vogliono fare a non farlo?

attimiespazi ha detto...

@misterG
No, ma sono contraria all'idea perché tenere in pancia un esserino che si muove che è sangue del tuo sangue e poi distaccarsene non sarebbe nelle mie "corde" (chiamiamole così).
Le motivazioni dell'utero in affitto possono essere varie. Io non ce la farei proprio, non ne avrei lo stomaco..

.a

attimiespazi ha detto...

@misterG
La tua opinione sulla legge in discussione? Se ti va ..

attimiespazi ha detto...

se ti va di esporla..
.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Per me è un'occasione per dimostrare che l'Italia è matura, e consapevole dei tempi, era ora. Ti capisco(scusa l'ardire)l'utero in affitto è una faccenda molto personale e femminile, non la precluderei a priori.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Attimi, contesto questo ddl perché la genitorialita non è un improvvisazione di due uomini con la barba, o due donne in gonnella che decidono tirando i dadi in quale giorno fare il ruolo del papà e della mamma, no, no, perché l'essere madre e padre, figure educative fondamentali per il bambino, sono date proprio dalla diversità della sessualità del femminile e del maschile, e due uomini o due donne non posso adempiere per natura a tale importante compito, quindi non è questione di rivalutare il concetto di famiglia, come dici tu, ma piùttosto di comprendere cosa voglia dire essere padre e madre secondo natura, secondo una diversità psicofisica fondamentale che costituisce un uomo e una donna, non c'è altro d'aggiungere.

attimiespazi ha detto...

@Silvia
Secondo natura molte coppie fanno figli inconsapevoli del ruolo a cui andranno incontro con conseguenti falle educative.
Secondo natura molte coppie fanno figli per "sbaglio" o perchè non usano metodi anticoncezionali - perchè bisogna seguire la natura e viene vietato il controllo delle nascite o per ignoranza - e poi allevano i propri figli come possono in condizioni irrispettose del loro esser bambini
oppure
abbandonano le loro creature in istituti o similari.
questi bambini penso che venderebbero una parte del loro piccolo cuoricino per essere amati secondo i dettami dell'amore universale (che ci ha donato la natura), al di là dell'identità sessuale dei loro possibili genitori.
venderebbero il loro piccolo cuoricino per avere una famiglia che si prenda cura di loro, che li segua, che rispetti la loro infanzia, che li aiuti ad integrarsi con altri bambini dando loro le possibilità di esprimere se stessi nel mondo.
La scelta di adottare un bambino non è giocare a dadi, si arriva a questa decisione dopo percorsi interiori e di coppia molto profondi e particolari.
Adottare un bambino, qui in Italia, prevede un iter che dura anni e i futuri genitori vengono rivoltati come dei calzini prima di essere ritenuti idonei.
Le coppie che, per natura, non possono avere figli ma hanno desiderio di diventare genitori e dare una vita migliore ai bambini abbandonati devono essere condannati a non farlo perchè la natura gliel'ha negato?
Io non so se tu, Silvia, abbia esperienza di cosa significhi amare una persona, desiderare condividere la vita con lei, diventare genitore ed allevare un figlio.
Io non so se tu, Silvia, abbia esperienza del vuoto che rimane nello stomaco di un bambino che scopre di essere stato abbandonato dai suoi genitori naturali e rimane abbandonato in un istiuto o in una favelas fatiscente.
Gli orientamenti sessuali di mamma e papà non sono il problema principale di un bambino in mancanza d'amore. ci sono mamme che assurgono il ruolo di papà e viceversa all'interno di una coppia etero, lo sapevi?
Mamma+papà ci saranno sempre e me ne compiaccerò.
mamma+mamma, papà+papa o solo mamma o solo papà che decidono di regalare una famiglia ad un bambino abbandonato avranno da parte mia lo stesso compiacimento e un pizzico di ammirazione.

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

I froci/e vogliono giocare a fare mamma e papà? Già la famiglia "naturale" è una merdata, quella frocia è peggio ancora. Ma in che mondo di teste di cazzo che viviamo!

attimiespazi ha detto...

@Freddy
Penso che tu sappia molto bene che Nietzsche fu allevato da due donne (la mamma e la nonna materna)con la presenza delle due sorelle di suo padre, un pastore protestante, morto prematuramente quando il grande filosofo tedesco aveva solo due anni, se non ricordo male. Che conseguenze ha avuto questo bambino nel crescere in una famiglia di sole donne? Tu che lo conosci meglio di me puoi togliermi questa curiosità?

.attimi

attimiespazi ha detto...


"Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare lui stesso un mostro. E se tu riguarderai a lungo in un abisso, anche l'abisso vorrà guardare dentro di te."

(Friedrich Nietzsche, Al di là del bene e del male, 146)

Anonimo ha detto...

Lezioni di logica: la fallacia dell'argumentum ad hominem.

Un argomento ad hominem si costruisce, prevalentemente, nella seguente maniera:

A afferma la proposizione X
Si attacca A o una circostanza che lega A ed X
Quindi: la proposizione X è falsa
La fallacia logica degli argomenti ad hominem è evidente (un argomento è vero o falso a prescindere da chi lo sostiene) ma spesso è facile cadere nel tranello di tali argomentazioni, che distolgono l'attenzione dall'argomento X spostandola su A.

Esempio:

A è vegetariano
Anche Hitler era vegetariano e quindi A è come Hitler
Quindi: essere vegetariani è ingiusto

__________________________

Nietzsche era un genio
Nietzsche è stato allevato da due donne
Avere due madri (o due padri) è giusto

Nietzsche è stato allevato da due donne
Nietzsche a 44 divenne pazzo
Avere due madri (o due padri) è ingiusto
__________________________

Studi, riprovi e sarà più fortunata.

attimiespazi ha detto...


beh, mi perdoni egregio anonimosenzanomeinnominabile..

morire per un tumore al cervello o una neurosifilide o per una malattia ereditaria non penso che rientri nella conseguenza dell'educazione impartita da due madri o due padri, dell'ambiente vissuto e dalla vita condotta da una persona che ha espresso il meglio di se stesso.

studierò, ne può star certo. purtroppo, non sono nata imparata come lei..

.attimi


silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Attimi, Anonimo voleva dire che un'esperienza individuale dovute a circostanze casuali, o il semplice libero arbitrio, o peggio ancora i vagheggiamenti surreali/romantici, non possono definire una realtà oggettiva per individuare una legge, la quale invece ha il compito di riconoscere, stabilire, mantenere conservare un'ordine morale naturale oggettivo, guardando la realtà delle cose e dei fatti nelĺa sua compiutezza e, nel nostro discorso specifico, il dato di fatto che conferma una legge è che se un bambino è l'unione di un uomo e una donna, per crescere necessita di entrambi i sessi, non basta solo l'amore di un solo sesso, infatti c'è tutta una psicoanalisi di relazione padre madre figlio, una complementarieta dell'uomo e della donna sul quale è fondato il diritto di famiglia, la psicologia dinamica in fase evolutiva del bambino, a tutela proprio dei diritti dei minori.Capisco che c'è molta ignoranza per questi temi perché magari non sono di vostre comletenze specifiche, dunque evitate di improvvisarvi psicologi, filosofi o giuristi, o peggio ancora scrivere frasi fatte di alcuni autori estrapolando concetti e dando dei "mostri" agli altri. Attimi, cmq non preoccuparti, per la tua ennesima distrazione sei perdonata anche stavolta.

Gaetano Gigliotti ha detto...

https://youtu.be/BiXFy98hgQo e ricordati che devi conservare l'integrità famigliare.

https://youtu.be/lftx4XdxpCk Al congresso sono tanti...

attimiespazi ha detto...


Silvia, nessuno vuole eliminare la figura della mamma e del papà, lo capisci questo o no? nessuno sta dicendo che non sono importanti.
questa legge non toglie nessun diritto alle famiglie tradizionali.
però, mi sembra un pochino crudele manifestare non per i propri diritti, ma per negare i diritti di altri (i diritti di coppia, diritti di creare una famiglia non nascosta o di serie B) solo per paura del diverso e della non accettazione dei tempi che stanno cambiando. .
e poi, a ben pensarci, dov'è la famiglia "tradizionale"? vogliamo chiederlo a figli di divorziati, agli orfani, a quelli cresciuti con i nonni o a quelli che hanno vissuto negli istituti?
Inoltre, la maggioranza dei gay vive la propria omosessualità in pace e sono in pochissimi a volere un bambino all'interno della loro coppia, se questo ti può confortare..
ma, ho già scritto le mie idee e non desidero ripetermi ulteriormente
.
Nietzsche era da esempio simbolico per far capire che pur mancando una figura genitoriale lo sviluppo individuale del bambino avviene ugualmente se c'è una famiglia a sostenerlo nella sua crescita. quella famiglia che Freddy ha disdegnato con le sue parole.
Ci sono persone cresciute solo con la madre o con il padre che sono molto più felici ed equilibrate di figli di famiglie "tradizionali".

La competenza specifica è nella vita che vivi, nelle esperienze di VITA, nei sentimenti e nell'umanità che c'è dentro ogni cuore, Silvia, e non nelle competenze di studio.

La frase di Nietzsche è di una profondità tale che tu, evidentemente, non hai compreso..
La tua ultima frase pecca di boria, secondo me.

.a

attimiespazi ha detto...


oh! ho amato Bennato..
:-)

.attimi

attimiespazi ha detto...

nel senso che mi è sempre piaciuto Bennato..

.a

Gaetano Gigliotti ha detto...

La strategia Argumentum ad hominem

L'argumentum ad hominem o argomento ad hominem (ovvero "argomento contro l'uomo") è una strategia della retorica. Consiste nello screditare un'affermazione o un'argomentazione attaccando la persona che la sostiene invece di confutare gli argomenti che questa persona ha esposto.
Tale strategia retorica veniva utilizzata frequentemente nella sofistica ed è molto utilizzata anche ai giorni nostri nelle discussioni politiche e nelle polemiche giornalistiche.
Le affermazioni ad hominem non appartengono necessariamente al registro degli insulti e costituiscono, in ogni caso, una delle tecniche più utilizzate in retorica.
Le argomentazioni ad hominem fanno parte delle tecniche dilatorie chiamate ignoratio elenchi, di fatto sono manovre diversive (a volte indicate in francese chiffon rouge o in inglese red herring) che distolgono l'attenzione dall'argomentazione per puntarla su colui che la sostiene.

Un argomento ad hominem si costruisce, prevalentemente, nella seguente maniera:
A afferma la proposizione B . V'è qualche cosa di negativo che si può rinfacciare ad A. Quindi: la proposizione B è falsa

Oppure:
A sostiene la tesi B. Vi è qualche cosa di fallace e criticabile nella tesi B. Quindi: A è criticabile.

La fallacità logica degli argomenti ad hominem è evidente (un argomento è vero o falso a prescindere da chi lo sostiene) ma spesso è facile cadere nel tranello di tali argomentazioni, che distolgono l'attenzione dall'argomento B spostandola su A.

Sottotipologie:
- Ad personam. Invece di criticare il ragionamento si critica la persona. Esempio: "Ora tu sostieni che Dio esiste, ma stai solo seguendo una moda!

- Circonstanziale. Invece di criticare l'affermazione si rileva la relazione che c'è fra la persona e la sua situazione. Esempio: "Adesso il Ministro parla di aumentare le tasse, ma lui non ha problemi di denaro!"

- Tu quoque. Il tu quoque (o anche ad hominem tu quoque) sottolinea che la persona non è congruente in quanto non fa quello che dice. Esempio: "Tu dici che dovrei smettere di bere, ma sappiamo bene che hai avuto problemi di alcool anche tu!"

Copium, incollum...

attimiespazi ha detto...

e poi, anche se odio fare polemiche, te la dico tutta:
sentir parlare di difesa dei diritti dei bambini da persone che non sanno cosa vuol dire allevare figli e che non sono in grado di punire i casi di pedofilia infantile e altri abusi da parte di chi predica la parola di Dio, beh, scusami Silvia, ma mi hanno fatto saltare sulla sedia..
non aggiungo altro. se non questo

http://www.uaar.it/ateismo/controinformazione/abusi-sessuali-Chiesa-cattolica/

.attimi

Gaetano Gigliotti ha detto...

Att. Anche se l'avessi amato, che bello! Mi faceva(fa) compagnia, sempre fuori dal coro, all'epoca avevo i jeans strappati(dall'usura) oggi se li comprano già strappati!

attimiespazi ha detto...

@MisterG
eh, Bennato era avanti un totale, infatti, se ricordo bene ebbe diversi problemi con la censura di quei tempi.
Io sono cresciuta con Bennato, Vasco Rossi, Dalla, De Gregori e poi, vabbè, per gli stranieri: Queen, Bowie e i mitici Pink Floyd

a te
https://www.youtube.com/watch?v=XfDnY_GzbTw

ciao!

.attimi

Gaetano Gigliotti ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gaetano Gigliotti ha detto...

Uguale, tranne Vasco.https://youtu.be/0mkVdFr1Rao

Non sono un robot,(mi sta facendo impazzire a riconoscere cose...)

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Freddy Fosca ha detto...

Attimi...ODI FARE POLEMICHE? Questa battaglia pro famiglia-di-frogi, la fai solo per fare polemica; perché ti annoi. Sei una brava mogliettina che si annoia. La famiglia è la prima fonte di alienazione. E io ci cago sopra. Frogi o no! Cosí è deciso, l'udienza è tolta e non vojo commenti!

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gaetano Gigliotti ha detto...

Un testo che farebbe impallidire dalla vergogna qualsiasi"sormone", cattolico e non. Troveremo un altro modo per chiacchierare, altrimenti Fary ci fa pagare i pixel che occupiamo nel suo Blogge. Ciao Att.

silvia silviaa ha detto...

Attimi, anche a me non piacciono le polemiche, infatti la mia non è boria, è solo un invito non spostare il fulcro dell'argomento come stai continuando a fare per una tua o evidente ignoranza, o incapacita di comprensione dellargomento, come ti ha fatto notare Anonimo con " la logica fallacea dell "argumentum ad hominem". inoltre se non ami le polemiche allora non alimentarle se non riesci a stare nellargomento, continuando ad andare fuori tema e a dimostrare di non conoscere certe realta, infatti gli esponenti del family day erono piu laici che religiosi, tra cui molti pscicologi, avvocati, giuristi, folosofi e il rapprresentate, colui che parla nel video di farina, è addirittura un neurochirurgo, inoltre ti invito ad essere più informata anche sulle procedure legali del Vaticano per quanto riguarda i casi di pedofilia, visto che Benedetto VI ha spretato circa 400 religiosi in 2 anni.Inoltre ti ricordo l'Uarr parla sempre di pedofilia solo in ambito clericali e se luarr fa ciò e solo come attacco alla Chiesa, non per altro, visto che non denuncia tutti gli altri casi di pedofilia irrisolti molto più maggiori al di fuori del clero, infatti ricordo che il fenomeno pedofilia è per 90% al di fuori del clero, tra l'altro, a proposito di omosessualità, un importante giornale americano laico mediante studi statistici ha riscontrato una costante relazione tra omosessualità e pedofilia, ciao.

Freddy Fosca ha detto...

Il divieto genera la perversione. Non si possono sposare, né possono scopare: allora si fanno dà intel culo, i preti, e molestano i bambini. Che abominio la religione! Roba pre-storica... Porcoddio e la Madonna Ladra demmerda, e i sandali de Christo!

Anonimo ha detto...

@Silvia silvia sono l'anonimo di sopra,la tecnica del " la logica fallacea dell' "argumentum ad hominem" è una bufala:
La strategia Argumentum ad hominem

L'argumentum ad hominem o argomento ad hominem (ovvero "argomento contro l'uomo") è una strategia della retorica. Consiste nello screditare un'affermazione o un'argomentazione attaccando la persona che la sostiene invece di confutare gli argomenti che questa persona ha esposto.
Tale strategia retorica veniva utilizzata frequentemente nella sofistica ed è molto utilizzata anche ai giorni nostri nelle discussioni politiche e nelle polemiche giornalistiche.
Le affermazioni ad hominem non appartengono necessariamente al registro degli insulti e costituiscono, in ogni caso, una delle tecniche più utilizzate in retorica.
Le argomentazioni ad hominem fanno parte delle tecniche dilatorie chiamate ignoratio elenchi, di fatto sono manovre diversive (a volte indicate in francese chiffon rouge o in inglese red herring) che distolgono l'attenzione dall'argomentazione per puntarla su colui che la sostiene.

Un argomento ad hominem si costruisce, prevalentemente, nella seguente maniera:
A afferma la proposizione B . V'è qualche cosa di negativo che si può rinfacciare ad A. Quindi: la proposizione B è falsa

Oppure:
A sostiene la tesi B. Vi è qualche cosa di fallace e criticabile nella tesi B. Quindi: A è criticabile.

La fallacità logica degli argomenti ad hominem è evidente (un argomento è vero o falso a prescindere da chi lo sostiene) ma spesso è facile cadere nel tranello di tali argomentazioni, che distolgono l'attenzione dall'argomento B spostandola su A.

Freddy Fosca ha detto...

Quando l'hominen è uno stupido, è l'unica strada percorribile, Schopenauer docet...caro anonimo dei miei coglioni!

attimiespazi ha detto...

Gli spretati sono andati in carcere per gli abusi perpetrati a ragazzini? Che fine hanno fatto?

silvia silviaa ha detto...

Attimi, esiste un iter processuale di diritto canonico, dove il religioso viene ridotto a laico, larresto compete all'autorità giudiziarie locale dove si è verificato il reato a tutela della vittima, come è logico che sia.

Anonimo ha detto...

Messaggio per "silvia silviaa": chi ha scritto tra i due interventi di "Freddy Fosca" esordendo con " @Silvia silvia sono l'anonimo di sopra..." è un/a patetico/a bugiardo/a.
Mentre lei è l'unica che abbia compreso ciò che intendevo nell'unico messaggio che ho scritto in questo post.
Non risponderò più, per cui sappia che chiunque si spaccerà per me nei prossimi interventi non sono io.

silvia silviaa ha detto...

Grazie molto Anonimo del suo intervento.

attimiespazi ha detto...

Scusate, egregi Anonimi.. ma che gusto c'è nei messaggi anonimi? Avete paura di esporre le vostre idee mettendo il vostro nome? Grazie della risposta Silvia. Sono qui per imparare e condividere pensieri per quella che sono..
e anche per fare caciara nel blog di Farina..
;-)

.attimi

Anonimo ha detto...

Messaggio per "silvia silviaa": non si fidi di quell'anonimo, non è l'originale! Io sono l'unico anonimo che si rispetti. Con affetto.

Gustavo ha detto...

Non mi pare che Attimi abbia spostato il fulcro dell'argomento. Mi pare abbia centrato perfettamente la dinamica psicologica e culturalmente arretrata dell'opposizione a questa legge. Sono d' accordo con Chicca per i risvolti di mercificazione dell'essere umano in caso di utero in affitto che in India (paese povero) è diventata prassi.
Si al DDL Cirinna'. Sì alle adozioni bambini in stato di abbandono a famiglie omo o mono. No all' utero in affitto.

Gustavo ha detto...

Il video è una presa di posizione netta e mi pare che trasmetta per immagini quell'arretratezza culturale di cui commentatori e commentatrici hanno esaltato attraverso i loro interventi scritti. Discussioni in topic con il post proposto da Farina. Le musiche di sottofondo sono messaggi sublimi-nali. Complimenti.

Anonimo ha detto...

Riccardo come poi delucidato ....ha preso da tempo una sua posizione ....la sessualità in solitaria. In tal modo un individuo si toglie tutte le problematiche, ma anche le gioie, connesse ad un rapporto di coppia......così si evitano i problemi di coppia etero, coppia omosessuale e le relative conseguenze legate alla responsabilità di prole. Problematiche che poi sorgono nella società in cui viviamo ancora imperniata di fobie religiose, usi e consuetudini e dalle innumerevoli leggi per cautelare i diritti di tutti. Probabilmente in una società primitiva tutte queste problematiche non ci sarebbero....anche se non sono sicura che i diritti di tutti verrebbero assicurati, in genere l'egoismo del più forte prende piede perché spesso utilizza la forza contro il dialogo/rispetto/ragione. Chicca

attimiespazi ha detto...

Sig. Gustavo,
purtroppo io non so esprimere bene a parole le mie idee, non sono una scrittrice o una giornalista, comunque, tanto per rimarcare l'argomento, vorrei condividere questo articolo con gli ospiti del blog, un articolo che in poche parole ma molto chiare si affianca alle mie opinioni già lungamente espresse.

http://www.lettera43.it/firme/utero-in-affitto-vi-spiego-perche-e-un-finto-problema_43675233023.htm

.attimi

Gaetano Gigliotti ha detto...

Grazie Att. Un po' di pace...e Amore, così ignorato di questi tempi.

Bakunin ha detto...

Attimi lascia stare, Madron è massone sionista, ovvio che supporti la "causa" LGBT e scempi annessi, così come la supportano tutti i grandi gruppi finanziari e di potere (Soros in prima fila).

attimiespazi ha detto...

Oddio, è una malattia grave quella di Madron? :-)
A parte gli scherzi, leggere Lettera43 non mi dispiace anche se spesso manca di approfondimenti più ampi delle notizie. Il Fatto Quotidiano a volte sembra dipendere troppo dalla sua indipendenza.. insomma, non è facile informarsi.
Confido che il tuo nick name non sia stato scelto a caso. Mi piace!

.a

Freddy Fosca ha detto...

I figli sono una scorciatoia ridicola alla creazione. Robba da femminuccie...Lo sappiamo da mó!

Bakunin ha detto...

FQ indipendente? Rido.
Non esistono testate nazionali indipendenti nella colonia dello zion sam.
Per verificare chi sta dietro a cosa non è necessario il talento di SH, anche se stare a ciarlare del sesso degli angeli nel blog di Farina è sicuramente meno impegnativo.
Dato che ami le citazioni:

"Per capire chi vi comanda basta scoprire chi non vi è permesso criticare"
FMA

Segui il coniglio bianco.

attimiespazi ha detto...

Elementare Dott. W. sono lieta tu abbia compreso il mio "sembra dipendere troppo dalla sua indipendenza".
citazione degna del tuo nick.
ciao Bakunin.
Pillola rossa o pillola blu? ..

.attimi