mercoledì 15 febbraio 2017

UN CLISTERE A PORDENONE - IL FATTO QUOTIDIANO

http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/15/un-clistere-si-grazie-meglio-se-a-pordenone/3392895/

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Da Milano a Pordenone probabilmente il tuo amico ha effettuato un cambio di treno a Mestre durante il quale, speriamo per lui (ma anche per lei), non gli abbiano fregata la valigetta con la preziosa attrezzatura a stantuffo (meglio), o a vasi comunicanti. Peccato che tu non ti sia fatto illustrare il tipo di liquido che avrebbe adoperato per la bisogna (camomilla? aceto di mele? caffè? bicarbonato? melassa?semi di lino?) importante, soprattutto in considerazione del suo altruismo, per farsi l'idea del salasso che gli sarebbe toccato dopo il clistere.
Ma, ormai, cosa fatta capo ha, anche a Pordenone.
PS. probabilmente era veramente di Pordenone città (e da qui l'invidia per gli usi della metropoli milanese) e non della limitrofa provinciale Sacile: lì fanno la fiera (ultracentenaria) degli "Osei" - uccelli. Altre tendenze.

Giulio

attimiespazi ha detto...

*Collegati tramite Il Fatto Quotidiano
Disqus
Il Fatto Quotidiano
Il Fatto Quotidiano ha bisogno del permesso per accedere al tuo account.*

questo è il messaggio che mi appare all'atto di lanciare un mio commento sul FQ.
ho provato a smanettare qualcosa ma non capisco come devo fare per aderire alla richiesta.
evidentemente il FQ ha cambiato le modalità di accesso ma non vorrei rischiare di cancellare il mio profilo.
nella mia stessa situazione è probabile che si trovino altri utenti.
tu sai come risolvere il problema?
più tardi riproverò a risolvere l'impiccio..

.attimi

attimiespazi ha detto...

c'è un pulsantino di riferimento dopo il messaggio
ma quando lo pigio mi appare una finestra con questo messaggio

*
Disqus

Invalid Request: Missing required parameter: callback_uri (should be set in the API app)
*

certo che con tutto quel delirio pubblicitario del FQ
ci mancavano pure i pop.up degli algo ritmi che non capiscono un tubo,
anzi uno 01, di quello che devono fare.

ma, se un giorno si bloccassero tutti i pc del mondo?
forse sarà quella la vera apocalisse per il genere umano diventato
schiavo (in)consapevole delle macchine..

.a

Gaetano Gigliotti ha detto...

Att. confermo... penso sia una falla degli incapaci della testata, se un giorno bloccassero tutti i pc del mondo assisteremo finalmente ad una rivoluzione globalizzata trepuntozero.(non vedo l'ora). Colgo l'occasione e saluto tutti i naviganti tranne uno. Al film di Fary: il tappeto ironico ha supportato bene l'argomento trucido, divertente.

attimiespazi ha detto...

oh, grazie Mister G.
ho fatto la prova ad iscrivermi al FQ creando un nuovo profilo (nonostante ne abbia già uno disqus, non mi rimanda a quello già esitente)
e da lì ho chiesto delucidazioni a Vera Crudele che è commentatrice di lungo corso, visto che si domandava in ultima istanza come mai ci fosse "moria" di commenti in questo post del Farina.
aspetterò domani nella speranza che, intanto il bug si risolva.

anch'io stavo riflettendo sulla "rivoluzione globalizzata trepuntozero" da te giustamente intitolata, e stavo pensando che per la "vecchia guardia" cresciuta senza telefonini non sarebbe un problema affrontare ciò,
e al contempo pensavo ai nostri futuri nipoti a cui racconteremo non le favole classiche ma di come noi andavamo fuori casa la domenica senza telefonini e l'assillo dei genitori che controllavano dove eravamo o senza l'obbligo di essere costantemente connessi gli uni agli altri dandoci l'illusione di essere più uniti.
quando racconteremo questo, i nostri nipoti ci guarderanno come degli E.T.
o, nella più positiva delle ipotesi, ci vedranno come dei supereroi.

un piacere, per me, veder riapparire il tuo bellissimo avatar e il Pensiero che c'è dietro..

;-)

.attimi

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.