venerdì 16 dicembre 2016

PAROLE STRANE CHE DIVENTANO POESIA PER SBAGLIO


Ci sono scavi archeologici nella mia
testa, e temporali azzurri nella carne.
Un baciamano a una sconosciuta.
E una volpe in fuga, lontana, lontana
da queste parole ferme e stilizzate.
Tra le macerie piange una bambina.
Nelle sue lacrime il cielo si tinge di
assurdo. Nelle sue lacrime riposa la
sete dell'Orco, in una favola bruciata.
Ci sono orizzonti musicali solcati da
vele candide d'ignoto, e la febbre si
contorce in una vampata di silenzio.
Ho posato la mia memoria sull'erba.

11 commenti:

Anonimo ha detto...

ti capisco, anche io sono con la febbre più di una settimana, e quindi comprendo questo delirare
Anonimo delirante

rickyfarina ha detto...


Non ho la febbre. I poeti hanno il delirio naturale.

Anonimo ha detto...

ok Ricky, ma nella tua poesia c'è qualcuno con la febbre, ed è proprio quella bambina tra le macerie...
Anonimo sempre più delirante

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
attimiespazi ha detto...

l'ubriachezza di queste parole
ha qualcosa di divino:
il creatore che crea se stesso
con l'universo del caos dei suoi pensieri.
delirium tremens di un poeta
quasi per caso..

.attmicheglie'piaciutounsaccoquestodeliriodelirantenaturalediRicky

attimiespazi ha detto...

ciao, Anonimo delirante
sei stato dal medico?
avere la febbre da più di una settimana fa pensare ad un'infezione che va curata. non affidarti ai rimedi della nonna..

.attimi

Anonimo ha detto...

ciao attimiespazi,no, perchè io oltre ad essere anonimo vegetariano (e veneziano) sono anche anonimo complottaro, e quindi non voglio medici e non voglio farmaci..

Anonimo ha detto...

Nel corpo si riflette e scarica la coscienza dell'anima. Se il corpo si è indebolito vuol dire che qualcosa che viene fatto o si subisce non è adatto all'anima e tormenta la coscienza. Quando vi è malattia in effetti è la battaglia per la guarigione. La malattia si è insinuata prima quando vi era sanità apparente e nessun sintomo. Cerca cosa ti tormenta ed aiuterai il processo di riequibrio corporeo. Il corpo è lo specchio della coscienza.

Anonimo ha detto...

Anonimo, dici bene, ma se non ti firmi però, non capisco che tipo di anonimo sei..tu potresti essere anonimo coscienzioso, in questo caso..ma potrei anche sbagliarmi..sei silvia silviaa?
Anonimo ammalato

silvia silviaa ha detto...

Non sono io, nemmeno l'Anonimo che si è firmato Silviaa silviaa.

Anonimo ha detto...

Sono solo un anonimo che ti indica una possibile strada per comprendere la causa della malattia iniziale e facilitare il processo di guarigione. Se vuoi chiamami anonimo samaritano.