venerdì 23 dicembre 2016

BUONE FESTE

Buone feste amici e nemici del blog.
Fate i bravi, a Natale si diventa più buoni.
Giusto? Date metà dei vostri averi
ai poveri. Fate volontariato in qualche
associazione filantropica. Regalate un
sorriso agli impiccati. Feritevi e donate
al vostro sangue la libera uscita.
Non deludetemi, vi voglio geniali, e
la genialità è sempre una forma di
bontà, sono solo i mediocri che la
avviliscono, e la deturpano.

16 commenti:

Anonimo ha detto...


Qualcuno ha detto che la delusione è un sentimento che non delude mai. Almeno in questo senso vedremo di fare il possibile per deluderti.
Oggi, come dicono dalle tue parti, "sun cuntent e alegher": domani, dopo mesi di lontananza, torna a casa per qualche giorno uno dei miei tre prodotti, i miei tre orgogli, il giovane ufficiale di marina. Alé!
Auguri di buon Natale e buone feste a te ed a tutti gli amici del blog.

Giulio

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
attimiespazi ha detto...

sono stata condannata in contumacia: mi sto dando alla macchia.
per me è stato un anno orribilis in seno alla famiglia (con lutti, problemi di salute e tegole capitate tra capo e collo) e orribilis anche nel mondo, non ho molto da festeggiare e, solitamente, a Natale non divento più buona ma sono quella di sempre.
ciao..

.attimi

silvia silviaa ha detto...

Grazie mille Riccardo, Buon Natale di speranza a te e tutti, una speranza che una notte di 2000 anni fa si è resa certezza diventando visibile, comprensibile, affidabile vicino a tutti e per tutti, perché Dio non ha scelto d' incarnasi in un uomo potente, ma in un bambino piccolo, povero e tenero. Ancora auguri.

altrimentipresente ha detto...

Egregio,
non sono più giovane abbastanza
per sapere tutto.

voglia gradire
https://www.youtube.com/watch?v=yJpJ8REjvqo

(Oscar)


Anonimo ha detto...

Povera Attimi che ancora si illude di essere accettata dall'uomo mediocre, non ha ancora capito che delle sue rimostranze sulla delicatezza e del suo anno pesante a nessuno di loro qui frega niente. Non ha ancora capito che all'uomo mediocre tutto è permesso dire e che a lei non è permesso lamentarsi. Gli uomini fanno branco anche quando di scornano ed in tale ottica tutti, con i loro commenti, le hanno fatto capire quale è il suo posto. "Zitta e mosca, queste sono cose tra uomini e se non lo capisci sei poco intelligente" questo è il messaggio che le hanno inviato. Adesso sta lei decidere se andarsene definitivamente o piegare la testa ed adeguarsi ad essere messa a cuccia ogni volta che alza la testa.

Anonimo ha detto...


Nell'altro commentario il misogino, in questo la misandrica.
Mamma mia, fate sintesi, unite le forze per una equilibrata misantropia.

Giulio

attimiespazi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Cancella, ho letto. Possibile interpretazione: qualcuno travestito da cucciolo, mentre nasconde un anima nera arrabbiata e le parti coscienziose di lui tentano faticosamente di contenerne la rabbia, cerca di colpire. Per raggiungere il suo scopo effettua incursioni senza porsi limiti e cerca di intrufolarsi in modo illecito nel privato intimo della vittima, e forse anche in casa sua. Bisogna proteggere le monete antiche (preziose e di valore) del proprio passato ed anche del presente per non farsi colpire. Meglio non fidarsi di chi senza conoscere i fatti ed il problema passando superficialmente afferma che si sta esagerando nel preoccuparsi. Forse sono suoi complici. Hai percepito un segnale di pericolo che arriva da qualcuno che si finge migliore di ciò che è, per poi colpire alle spalle. Per non farsi illudere da tanta scenografia e dalle belle, ma a volte false, parole CERCA DI LEGGERE FRA LE RIGHE DELLA PARVENZA E GUARDA GLI OCCHI. Attraverso i mezzi di comunicazione, telefono, pc, TV i serpenti infidi penetrano.

silvia silviaa ha detto...

Anonimo, le sue interpretazioni/pettegolezzi che lasciano senza parole per dare possibilità di interloquire al suo pari livello ricorda molto qualcuna. Attimi, ma hai ripreso a fumare? Cmq Buon Natale, sorridete ogni tanto ciao.

silvia silviaa ha detto...

Attimi, è Natale, non mi fai gli auguri?

attimiespazi ha detto...

ti faccio gli auguri dedicandoti un pensiero di Christian Bobin.
"Il modo di riconciliarsi con il mondo è di separarsene. E l'amore è invincibile solo nella misura in cui è totalmente impotente a ciò che lo distrugge"

.attimi

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Grazie, Attimi. Ricambio il tuo gesto gentile dato che hai citato Bobin, con invece uno dei tuoi autori preferiti cioè O.Wilde, un passo del De Profundis, una bellissima testimonianza che nasce solo da un profondo dolore, "E’ l’anima dell’uomo che Cristo cerca sempre. Egli la chiama «Regno di Dio» e la trova in ciascuno di noi. La compara a delle piccole cose, a una sottile semenza, a un pugno di lievito, a una perla. E non si afferra la realtà della propria anima se non liberandosi di tutte le passioni estranee, di ogni cultura acquisita, di ogni possesso esterno - sia esso buono o cattivo. Io mi ostinai contro tutto, con tenacia e con ribellione, sino a che non restasse in me più che una sola cosa al mondo. Avevo perduto il mio nome, la mia posizione, la mia felicità, la mia libertà, la mia ricchezza. Ero povero e prigioniero. Ma mi rimanevano ancora i miei figli. A un tratto anch’essi mi furono tolti. Fu un colpo così tremendo che non seppi più cosa fare; mi gettai in ginocchio, curvai la testa e piansi, esclamando: «Il corpo d’un fanciullo è come quello del Signore; io non sono più degno né dell’uno né dell’altro». Ed ecco: in questo istante mi parve di salvarmi. Vidi allora che la sola cosa per me era di accettare tutto. Da quel momento in poi - per quanto ciò paia curioso - io fui più felice. Si è che io avevo toccato la mia anima nella sua essenza suprema. In molte maniere me l’ero inimicata, ma essa mi attendeva ancora come un amico. Quando si entra in comunione coll’anima, si diventa puri come fanciulli - Cristo l’ha detto."  Oscar Wilde.

attimiespazi ha detto...

Grazie a te Silvia.
quando incontro il piccolo istante
in cui un'altra persona
Ascolta davvero ciò che scrivo,
un respiro sembra estrarre la lama
della solitudine conficcata nelle
mie notti, e porta a compimento
quel calore bianco al quale non voglio dare il nome,
poiché è appartenenza che brucia nel chiarore
del suo linguaggio.

scusa la mia scrittura e accettala
nel suo semplice essere parte di me.

.attimiespazi