sabato 27 giugno 2015

LIFE TUTORIAL

Quando i poeti insegnano a vivere.

12 commenti:

riccardofarina69 ha detto...

Manuel De Faja ( pronuncia corretta ) ma dovete scrivere DE FALLA per trovarlo in rete.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Non conosco De Falla, ma conosco Roberto de Fonseca e allora?:-) Sono le 22.24 di sabato 27 giugno(ti ascolto in cuffia) , sto pigiando questi stupidi tasti per dirti che: mia moglie ed Amanda stanno guardando potter 16(o più), io mi sono sganasciato dal ridere solo al pensiero di far vedere a Daniela la richiesta fellaziana(non Felliniana)dell'inizio tutorial... ti farò sapere... per adesso ciao, e una parolaccia preventiva: BASTARDO! :--)

Anonimo ha detto...

hehehehehe piccolo promulgatore dell'adulterio .....per la prima parte ti consiglio www.trombamici.me o siti delle Coguar Lady....solo "il meglio no problem" del rapporto sporadico/promiscuo umano. Per quanto concerne l'affermazione, suppongo ironica, che per la mente "basti leggere poche righe" ...dissento apertamente. L'attuale società, nella media, già basa il nutrimento della propria mente solo su brevi sms, su tweet, su frasette trite e ritrite o citazioni carpite dal passato (anche se è comprensibile ormai peccare di scarsa originalità quando si è copie delle copie del passato). Basta che una persona si dilunghi di una riga per essere etichettata come logorroica, prolissa, frustrata o angosciata (per lo più contestato al mondo femminile hehehehe). Di ogni argomento ritengo sia opportuno leggere tutto un libro (sempre che non si rischi la catalessi da somma noia) per poi leggere un libro con opinione contrastante al primo e magari altri con ulteriori visuali. In modo da avere un quadro di tutte le sfaccettature ed infine formarsi un'idea propria....magari diversa da tutto ciò che si è letto ed in base a tutto ciò effettuare le scelte per la propria vita. Chicca

silvia silviaa ha detto...

Chicca forse lei sta confondendo la studio dalla cultura. Credo Riccardo si riferisse alla cultura anche intesa come frutto del pensiero umano, spesso racchiuso in frasi che dovrebbero solo esser comprese profondamente perché infondo la cultura serve a farci capire, interpretare il mondo nella maniera corretta per migliorarci e migliorarlo. Lo studio invece è l'approfondimento di una parte della conoscenza, di un argomrnto specifico appunto, dove è richiesto sforzo, costanza a lungo tempo per appropriarsene, anche anni, non bastando la semplice lettura.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

... e cmq Chicca, la pubblicità così palese che lei fa a certi siti è davvero vergognoso perché mettere esplicitamente il link di un tale abominevole sito è la conferma di quanto lei sia una perbenista farisea perversa, inducendo gli altri alla peggior condotta di vita, atteggiamento perverso e malevolo che lei cela dietro sempre il paravento della diffamazione e giudizio riservato agli altri, perche poteva limitarsi a non mettere il link, invece lo ha fatto in un blog, che non le appartiene, consapevolmrnte, un atteggiamento assolutamente vergognoso e inaccettabile che solo una persona infima e subdola come come lei puo averlo fatto.Sempre più in basso questa Chicca o Chicco a questo punto.

Anonimo ha detto...

Silvia... ma i siti suddetti sono visionati solo per un mero interesse
psico-antropologico - una sorta di meta-gnosi paradossa conglomerata nei rivoli mai superficiali del tema parallelo insito nella drammaturgica irripetibilità dell'opera d'arte - unita a sua volta in modo del tutto sincretico-cristico alla morte dell'arte stessa... capisci è tutto una crasi non ipostatica dell'anima ellenistico-platonica dopo la morte irridente di Dio!

Passiamo dunque ad una dimensione lunare dove si trova il senno degli uomini e tutto il male provato per le torte ed i torti subiti in quella lacrima d'Eternità che chiamiamo vita...


https://www.youtube.com/watch?v=KKaZGX8Ui0k


Luca


silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Luca, potresti scrivere in maniera più chiara, non ho studiato filosofia.Pubblicare certi link, con il preciso indirizzo, come appunto ha fatto Chicca, è promuovere, incentivare tale servizio con la precisa intenzione di farlo conoscere agli altri con piena consapevolezza e responsabilità dell atto, c'è poco da dire.

Anonimo ha detto...

Dio è morto, l'anima non esiste, non siamo unici e liberi come crediamo e molto probabilmente il nostro corpo non risorgerà dopo la morte... ma possiamo crearci con un poco di volontà e di fortuna un'ombra fragile di tutto questo nella vita... il prezzo però è alto... bisogna imparare a morire per poi poter risorgere ancora... il che vuol dire sapersi anche allontanare da gran parte dei nostri "legami"... compreso l'ideale di "perfetta educazione"... e sopportare le teste di cazzo e tutta la buona parte di male che arrecano gratuitamente a questo mondo di per sé già merdace agli occhi della morale comune...

https://www.youtube.com/watch?v=X9GakYLzYTY

Luca

PS: puoi dire la tua, ma non puoi pretendere di cambiare gli altri... più o meno provocatori che siano...

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Purtroppo l'ateismo di massa, e con questo sono d'accordo in parte con te, ha decretato purtroppo la morte di Dio, ma un'umanità che vorrà fare a meno di Dio e della sua santa legge morale non avrà salvezza ma solo disperazione eterna.Inoltre non pretendo di cambiare nessuno ma essendo esseri sociali, dotati di intelletto e pensiero è attraverso la parola che cmq abbiamo la possibilità di dire cioè che è bene e ciò che male all'altro in un gesto altruistico, anche se perentorio come faccio con Chicca, ciao.