lunedì 29 giugno 2015

LA SENSAZIONE

La sensazione non è quella di vivere ma di rimandare il suicidio.
Anche se suicidio è una parola grossa come la parola addio, e io
amo le parole piccole, ininfluenti, parole come : piastrella, zucchina
e involtino ( anche senza primavera ). Oggi non ho voglia di fare
un passo, mi sono trascinato dal fruttivendolo sotto casa per puro
miracolo. Starò tutto il giorno in casa a leggere e guardare film,
magari faccio una maratona e mi sparo tutto Berlin Alexanderplatz
di Fassbinder. Un modo come un altro per suicidarsi ma con
corredo di battito cardiaco e respirazione. L'altro giorno ero solo
in una pizzeria e tautologicamente ho mandato a mia madre questo
messaggio : " Sono solo in una pizzeria ". E lei mi ha risposto: " Non
sarai mai solo perché il tuo essere è anche mamma e papà ".

29 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande Donna tua madre

rickyfarina ha detto...

Dentro una grande donna c'è sempre un grande figlio....

Anonimo ha detto...

Lungimirante tua Madre! Vede lontano, anche nel passato ...quasi quasi ha un pensiero quantistico. Non sei mai solo, loro sono in te ...geneticamente, con i ricordi, parte dei tuoi pensieri e delle tue elaborazioni mentali. Oltre a tutti gli antenati che hanno contribuito al tuo DNA. Insomma in pizzeria eravate una moltitudine. Non lamentarti mai più di essere solo.....sei in supercompagnia, anzi tra un po' ti consiglio di utilizzare il pluralis maiestatis. Chicca

silvia silviaa ha detto...

"La sofferenza apre gli occhi, aiuta a vedere le cose che non si sarebbero percepite altrimenti. Quindi non è utile che alla conoscenza, e, all'infuori di essa, serve solo ad avvelenare l'esistenza." Emil Cioran

Freddy Fosca ha detto...

"Biberkopfffff!!!!...Cazzinkopfff???" Ci sfottevo uno che ci lavoravo insieme! Buon divertimento porcoddio. Che la madonna ti aiuti. Me lo ricordo deprimente di brutto!

silvia silviaa ha detto...

"Vedo talora certi handicappati piu' contenti dei loro sanissimi infermieri.La loro difficoltà li ha spinti a scavare in se la miniera del coraggio, della forza di volontà, del realismo, dell'amore. Dunque, non sei felice perché hai il pranzo prelibato, l'automobile vistosa, il deodorante giusto, ma perché dentro di te hai coltivato la risorsa e la ricchezza degli altri valori." Franco Molinari.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Freddy Fosca,oltre a bere, fuma sigarette?

Freddy Fosca ha detto...

"Qual è il consiglio che darebbe ai giovani scrittori?"
"Li consiglierei di bere, scopare e fumare un mucchio di sigarette".
"E a quelli più anziani?"
"Se sono ancora al mondo, non hanno bisogno di consigli"
C.Bukowski da "Musica per organi caldi"
Certo che fumo scemetta! Qual'è il problema?

silvia silviaa ha detto...

http://m.my-personaltrainer.it/salute/danni-fumo.html

Freddy Fosca ha detto...

AHHAHAAHAAHAHAHAH! Ma se io credo in dio; porcoddio, se muoio... porcamadonna ho la vita eterna e il paradiso? Mannaggia cristaccio in croce... che mi frega dei danni del fumo. Porco dello spirito santo io fumo e sticazzi! Ah Bukowski è morto a quasi 80 anni di Leucemia, e non per i "danni del fumo"...

silvia silviaa ha detto...

"Che io forse abbia amato tanto la sigaretta per poter riversare su di essa la colpa della mia incapacità? Chissà se cessando di fumare io sarei divenuto l’uomo ideale e forte che m’aspettavo? Forse fu tale dubbio che mi legò al mio vizio perché è un modo comodo di vivere quello di credersi grande di una grandezza latente." Italo Svevo.

Freddy Fosca ha detto...

Noooooo Svevo mi rompe i coglioni a 1000. Ti rispondo con un'altra citazione ma di un autore di un altro livello. "Ho provato la mia forza dappertutto: essa si è rivelata senza limiti. Ma a cosa applicare questa forza, ecco cosa non ho mai veduto. E non lo vedo nemmeno ora!" Nikolaj Stavrogin da "i Demoni" di Fedor Dostoevskij

silvia silviaa ha detto...

Fosca, ameno che lei non sia un cretino, non c'è molto da riderere visto che le basta fare una visita ad un reparto di pneumologia, cardiologia, oncologia per capire quanto il fumo faccia piangere e rimpiangere la vita.

Freddy Fosca ha detto...

Aho a Silvia...ma vaffanculo allora! te le cerchi! Eh! Che cazzo.

Freddy Fosca ha detto...

Comunque mantenersi in vita e in buona salute NON è vivere, è semplicemente provare a non morire, un'impresa destinata a fallire. Preoccupati tu Silvietta di VIVERE. Questo altruismo falso, tutto rivolto agli altri, ti serve solo per distrarti dai tuoi problemi complessi e conflitti non risolti. Sai che domani potrebbe pigliarti un colpo, pure che non fumi?

silvia silviaa ha detto...

Vivere significa realizzare se stessi orientantoci al bene e non al male, e ogni cammino inizia con un piccolo gesto, passo, facendo delle scelte, e il fumo è un male e in quanto tale fa male alla vita dellindividuo sia fisicamente che mentalmente, e aggiungo dunque anche spiritualmente, tutto qui, che poi lei mi reputi falsa francamente non mi importa molto, lei non conosce nemmeno di cosa mi occupo, quindi in parte è giustificato per la sua maldicenza sul mio conto.ciao

Freddy Fosca ha detto...

"....«Ebbene, signori, che ne direste di dare un
calcio e buttare all’'aria tutta questa razionalità in un colpo solo, con l'’unico scopo di mandare al diavolo tutti questi logaritmi e poter di nuovo vivere secondo la nostra stupida volontà?». L'uomo è fatto così. E tutto ciò per un insulsissimo motivo che
apparentemente non varrebbe neppure la pena di menzionare: e cioè perché l’'uomo, sempre e ovunque, chiunque fosse, ha amato agire così come voleva, e non come gli ordinavano la ragione e il tornaconto; infatti si può volere anche contro il proprio tornaconto, anzi talvolta decisamente si deve (questa è già una mia idea). La propria voglia, arbitraria e libera, il proprio capriccio, anche il più selvaggio, la propria fantasia, eccitata a volte fino alla follia: tutto ciò è proprio quel vantaggio supremo e tralasciato, che sfugge a qualsiasi classificazione, e per colpa del quale tutti i sistemi e le teorie vanno costantemente a farsi benedire. E chi l’'ha detto a tutti quei saggi che l’'uomo ha bisogno di una volontà normale, virtuosa? Come hanno immaginato con tanta sicurezza che l’'uomo abbia bisogno per forza di una volontà razionalmente vantaggiosa? L'’uomo ha bisogno soltanto di una volontà autonoma, per quanto possa costare questa autonomia e a qualsiasi conseguenza
porti. Ma anche la volontà, lo sa il diavolo..." Beccate sta botta di sottosuolo va! AHAhahahaAHah!
Ps: Non sei falsa...Peggio! sei proprio in Malafede nel senso che gli dava Sartre. Fattelo spiegare semmai dal Prof. Riccardo Farina che vuol dire. Ciao

rickyfarina ha detto...



Come diceva Gianni Rodari ( cito a memoria ) : bisogna sviluppare la facoltà dell'immaginazione, la fantasia, e non perché tutti siano artisti ma affinché nessuno sia schiavo. Novalis, sempre citato da Rodari, parlava di avere una Fantastica oltre che una Logica... insomma, avere immaginazione aiuta anche a penetrare nell'altro, a immaginarsi l'altro, in sostanza chi ha immaginazione vive molte vite, arricchisce se stesso e gli altri. Buona immaginazione a tutti.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Grazie Riccardo, sono molto d'accordo con i pensieri di Rodari e Novalis. Credo che l''immaginazione e la fantasia non sono in antitesi con la logica e la razionalità, le quali, quest'ultime, ci aiutano soltanto a discernere il bene dal male, a capire e prevedere le conseguenze negative che un'azione puo portare, infatti volevo solo ricordare che fumare sigarette nuoce gravemente alla salute del corpo e siccome considero il corpo è strettamente in unione con l'anima , tutte le nostre scelte negative, che dipendono dal nostro volere, affliggono il corpo ma anche l'anima infondo, tutto qui, è nelle piccole e buone scelte, di qualsiasi genere, che il bene si realizza, e forse il male esiste proprio per farci decidere la scelta capita e compresa liberamente con la nostra ragione, ciao.

attimiespazi ha detto...

empatia.. attraverso di essa si possono penetrare gli altri.. c'è chi la prova in misura maggiore e chi meno ..

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

Silvia per te il Freud di "Aldilà del principio del piacere" e di "il disagio della civiltà" o il Nietzsche di "Al di là del bene e del male" non li hai manco mai sentiti nominare mi sa....

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Fosca, non ho studiato filosofia, lho fatto solo al liceo e di Nietzsche non ricordo molto, non sono un intellettuale infatti non faccio grovigli accademici, architetture complesse sintattiche e compiaciute forme ermetiche, esprimo solo ciò che penso e spesso dico quello che il cuore tende di suggerire senza smarrirsi nei meandri di elaborazioni mentali, perché il mio messaggio è fin troppo chiaro oer non esser capito e cioè che fumare è solo un male da evitare, lei, Fosca è libero di pensare ciò che vuole, di non ascoltare il messaggio se vuole, ma eviti di cadere in basso con la maleducazione, alla sua età non si dovrebbe, dando della falsa e ignorante a gente che non conosce. Non conosco i libri da lei citati così come lei non avrà mai apero un libro di tossicologia.

Freddy Fosca ha detto...

La mia semplicitá di cuore invece mi suggerisce che tu sei solo una PICCOLA SUBDOLA SCASSACOGLIONI! ...Silviettaaaa? PENSA AI CAZZI TUOI...Eh...che a TE Ti SERVE con urgenza un CAZZO!
Procuratene uno il prima possibile!
Aahahahaaha
Con affetto und simpatia Freddy Fosca.
Ps: vaff.....o

silvia silviaa ha detto...

Grazie Fosca sempre per il suo contributo intellettuale, i suo discorsi esprimono ogni volta grande capacità colloquiale ed elevatura mentale, complimenti.

Freddy Fosca ha detto...

Ma dimmi un po fai Farmacia? Vuoi farmi invecchiare cosi mi vendi pure a me le pillole per non pisciarmi addosso? Mio padre ha smesso di fumare, si è fatto un doppio bypass, e ora porta il pannolone, stenta a deambulare, e prende tredici pasticche al giorno...Chi cazzo me lo fa fare di arrivare a "vivere" così? T'attacchi....

Freddy Fosca ha detto...

Ah poi aspè mio padre è sempre stato astemio, non hai mai preso droghe, non andava a puttane e dulcis in fondo è stato sposato 30 con una donna che non gli faceva i pompini (quindi immagina se faceva altro ...) perchè la cosa gli faceva schifo....Ma pensa te che vita di merda che ha fatto per arrivare come sta adesso! ;-)