martedì 16 giugno 2015

LE METAMORFOSI DELLA NOTTE

Devo approfondire i miei risvegli, non è possibile avere lo stesso volto
e la stessa vita dopo una notte di sogni, incubi e allucinazioni. Deve
essere cambiato qualcosa, anche una sfumatura, devo cercarla, forse 
sul mio corpo è rimasta una piccola cicatrice onirica, forse il mio cuscino
ha un tumore nel ventre e io non lo so ancora, forse nei miei occhi è
rimasta la tela lucente di un ragno infinitesimale, qualcosa certamente
è accaduto, ed è da sciocchi ignorare le metamorfosi della Notte.

1 commento:

-farinomane- ha detto...

Magari può esserci una differenza talmente sottile da non accorgersene...per esempio come un capello, caduto sul cuscino