lunedì 23 marzo 2015

SIMONA

59 commenti:

rickyfarina ha detto...

Silviuccia, mi interessa una tua riflessione su questo film.

-farinomane- ha detto...

Perché è così doloroso essere se stessi? Non dovremmo neanche accorgercene.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Ciao Riccardo, son felice di sapere che non sei arrabiato con me. Sulla riflessione postami cosa posso dire, è un tema molto delicato quanto complesso e personale per chi vive questa condizione di omosessualità. So solo che da un punto di vista medico scientifico la genetica sta alla base dell origine del genere maschile e femminile, in quanto l'uomo possiede cromosomi xy, la donna xx, cromosomi che poi vanno a determinare quelle differenze fisiche e psicologiche fra i due generi. E In letteratura medica possono dire che esistono molti casi di squibrili che vanno poi a generare condizioni psicologiche alterate che si riflettono nell'orientamnete del genere sessuale, come l'omosessualità,e sempre in letteratura medica esistono casi di rispristino di tale squilibrio attraverso giuste spicoterapie o terapie. Quindi cosi come è lecito parlare di omosessulaità, è giusto da un punto di vista medico scientifico parlare anche di ripristino di eterosessualità, o ritorno all'etero sessualità come condizione di un naturale equilibrio biologico.Tutto qui.Nel caso specifico del film, trovo assurdo che l'omosessualità sia stata tratata come patologia schizofrenica, perchè non hanno la stessa origine, ne la stessa sintomaltologia. E molto spesso la causa scatenante di un omosessualità è anche da ricercare in traumi infantili, e come tali dovrebbero esser trattati con un giusto approccio psicoterapeutico, non farmacologico.Cmq secondo la medicina, lomosessualità non puo' essere considerata una condizione normale di un idividuo proprio per la legge biologica,infatti essendo numericamente solo il 2% della popolazione,statisticamente l'omossessualita rientra nei casi di disfunzione del genotipo.Questo dice la scienza, questo dice la logica dei numeri che esprime una legge, un ordine biologico ben preciso.Poi, con tutto il rispetto per la tua amica, ma trovo anche poco ragionevole che si fa cenno ad un abuso subito da parte di terzi e che si faccia anche il nome con disinvoltuta in un video, quando esistono vere e proprie procedure legali secretate, proprio per non esporre nessuno alla diffamazione mediatica prima di una sentenza, prima dell'accertamento dei fatti,condizione che puo' verificarsi solo in corso di processo.Una denuncia rimane solo una denuncia, ma non accertamneto della verità.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Silvia: tutto qui.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Per Silvia Silviaa:https://youtu.be/fniXlIo0F8M

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Sig. Gigliotti, sono assolutamente d'accordo con il pensiero del dott. Antonucci. Purtroppo è esistita ed esiste ancora una certa ideologia scientista, non scientifica, che porta avanti quell ideologia della selezione forzata per arrivare allessere perfetto, alienando completamemte quel valore intrinseco spirituale dell essere umano, e della sua delicata complessità soggetta amalattie che devono essere assolutamemte curate con il metodo scientifico, che non porti alla distruzione dell individuo, ma solo al suo benessere psicofisico.

attimiespazi ha detto...

hai donato una giusta naturalezza a Simona con le tue immagini.

Simona deve aver sofferto molto per la non accettazione da parte della sua famiglia.
Per quanto riguarda le molestie, purtroppo si ricevono, sì..spesso da insospettabili..

.attimi

Gaetano Gigliotti ha detto...

Il benessere psicofisico non si impone e non si cura, Lei pensi al suo, io penso al mio e tutti pensano al loro.

Gaetano Gigliotti ha detto...

"sono stati condotti degli studi medici da psichiatri per cercare di chiarire i malesseri che affliggono l'uomo dei tempi moderni, e vedere molti giovani e uomini naufragare perché stanno buttando la loro vita nell alcol, nella droga, e nel sesso è un dato di fatto che genera distruzione delle personalità umane" E' un Suo scritto. La psichiatria non è una scienza.

Freddy Fosca ha detto...

@Silvia voglio vedere se quel vigliacchetto di Ricky ti manda affanculo dopo questa....

rickyfarina ha detto...

Non c'è bisogno di sfanculare nessuno, e non è questione di coraggio, io ho il coraggio di essere me stesso e per ora mi basta, magari un giorno avrò anche il coraggio di essere Freddy Fosca. Per quanto riguarda la risposta di Silvia è implicito dal mio modo d'essere, dal film e dalla mia cultura laica che non sono d'accordo con nemmeno una parola di quelle dette da Silviuccia. Non mi interessano le xx e le xy, mi interessa Simona, la sua libertà di scelta, il suo desiderio di seguire la propria natura, non la natura in genere, ma la PROPRIA natura, ed è comunque nell'ordine della natura umana andare "contro" natura, quindi è naturale anche Simona. Seguire la propria natura con stile, senza fare violenza a nessuno, questo ha fatto Simona. Lei semmai ha subito violenze, di ogni tipo: sessuali, farmacologiche , famigliari, culturali e altro...

silvia silviaa ha detto...

Sig. Gigliotti, non capisco cosa vuol comunicarmi, perché dire che la psichiatria non è una disciplina scientifica? Anche se lo studio del Snc è il più complesso, proprio perché i neuroni hanno lunghissimi e sottilissimi prolungamenti, che formano infiniti intrecci con altrettanti prolungamenti di altri neuroni, non permettendo lisolamento della cellula per uno studio più facilitato, ma ricevendo inve e in finite influenze, tanto quanto gli stessi intrecci, questo non equivale ad escludere l'enorme espansione di conoscenza del funzionamento delle cellule cerebrali alla quale si è giunti in termini molecolari, fisici e chimici, anatomini, funzionali, ma c'è ancora tanto da scoprire e ricercare. Inoltre le ricordo che ciascun medico deve esercitare secondo scienza e coscienza, a tutela della salute, sia fisica che mentale, e non imporre ne accanimento terapeutico, ne diagnostico a nessuno. Infatti esistono norme deontologiche che regolano l'esercizio della professione medica a favore del paziente, pena la radiazione dall albo. E se esistono medici o cliniche che non si attengono a certi principi etici dell'attività medica, è compito cmq della magistratura aprire un iter processale penale, a tutela del paziente, esistono infatti ispezioni legali negli ospedali e cliniche.

Freddy Fosca ha detto...

Si ma con un "Vaffanculo" facevi prima. E forse il messaggio che lei è che si deve curare, perchè evidentemente, forse per una disfunzione genetica è rimasta... Microcefala.

silvia silviaa ha detto...

Fosca, non ho offeso nessuno. Ciao Riccardo , buona notte :)

Gaetano Gigliotti ha detto...

Silvia, questo pensiero è di una violenza inaudita, Lei sta sempre dalla "parte" giusta? L'equilibrio naturale biologico è una sua invenzione?


" Quindi cosi come è lecito parlare di omosessulalità, è giusto da un punto di vista medico scientifico parlare anche di ripristino di eterosessualità, o ritorno all'etero sessualità come condizione di un naturale equilibrio biologico.Tutto qui."

attimiespazi ha detto...

quando si parla di argomenti importanti e spinosi non si sfancula la gente ma la si affronta con ragionamenti validi senza offese gratuite. argomentare mettendo in tavola le proprie idee è molto più coraggioso e richiede impegno.
detto ciò, mi sembra di aver capito che Silvia sia cattolica osservante e forse praticante. non desidero criticare la religione ma mi auguro sempre che essa possa portare al vero significato di quell'Amore Universale che un signore di nome Gesù ha divulgato. Credere nella parola di Cristo non penso che passi attraverso una concezione filo-nazista di una scelta intimissima che, immagino, non sia delle più facili per chi la vive. La parola di Cristo, per come l'ho interpretata io, significa abbattere le differenze che allontanano con la comprensione e l'amore (parola immensa e difficilissima da spiegare se non abita stabilmente dentro di noi, in qualsiasi situazione ci si possa trovare)
Se a te, Silvia, capitasse un figlio o una figlia che sente di non appartenere al suo sesso fisico come ti comporteresti? gli regaleresti la tua pietà cercando di cambiare la sua natura o gli staresti vicino con amore rispettando il suo essere?
Simona ha fatto bene a dire il nome e cognome del prete che l'ha molestata perchè è lui che avrebbe dovuto confessarsi pubblicamente, proprio per il ruolo che ricopre ma, assurdamente, la confessione l'ha fatta la sua vittima per lui. le parole che ha detto Simona sono importanti e non penso che le abbia dette alla leggera, non è una bambina e mi pare ben cosciente di quello che ha dichiarato. lei ha perdonato chi le ha fatto violenza psicologica e altro e ha dimostrato una grandezza d'animo non indifferente. lei è migliore di tante tonache o camici.


.attimi

Freddy Fosca ha detto...

Che non si sfancula la gente è una vostra opinione, forse vi hanno educato cosi a casa. io la mia educazione me la sono fatta sulla strada e alla volgarità rispondo con la volgaritá, alla violenza con la violenza, e Silvia è stata volgare e offensiva nel suo modo molto educato da viscida bigotta.

silvia silviaa ha detto...

Sig. Gigliotti, l'equilibrio cellurare del nostro organismo è un processo di fondamentale importanza per il corretto funzionamento delle stesse cellule che, a loro volta, mantengono il corretto funzionamento degli apparati, da quello cerebrale a quello cardiaco ecc.. Ripeto, continuo a non capire cosa vul comunicare. Attimiespazi, esistono casi in letteratura medica ripeto, dove si riesce ad invertire l'omosessualità con u giusto approccio psifoterapeutico,ed è un cammino da affrontare nel rispetto e nel consenso volontario dell'altro, senza alcuna coercizione, non escludendo affatto la carità, che deve essere prima di tutto accettazione della diversità ma, allostesso tempo, tentare di trovare una soluzione ad un problema qualora causa malessere , sofferenza e difficoltà nella vita di una persona. Tutto qui

silvia silviaa ha detto...

Fosca, puo dirmi dovere sarei stata viscida? Rispetto Simona come persona, ma non considero l'omosessualità, ripeto, una condizione di normalità da un punto di vista biologico funzionale, perché la sessualità siccome adempie ad una funzione ben precisa, che è quella della riproduzione della specie, ebbene, due uomini e due donne, possono amarsi, ma non potendo partecipare all'atto normale procreativo, non considero la loro unione normale da questo punto di vista, tutto qui.

rickyfarina ha detto...


Silvia, è possibile invertire anche il cattolicesimo?
Per un equlibrato rapporto con la vita libera?

Fosca, la strada è la strada, un blog è un blog, non confondere i piani.

Attiva la contestualizzazione.

Freddy Fosca ha detto...

La tua unica scusa è che sei stupida. io ti rispetto come persona ma non ti considero normale da un punto di vista neuronale. Tutto qui

Gaetano Gigliotti ha detto...

Cara Silvia, ti voglio "comunicare" che oltre la cellula, c'è l'amore e la libertà dell'individuo. Il Suo demandare a conclusioni scientifiche argomenti che riguardano la sfera intima e unica di un essere pensante e vivente sia dettata da una "povertà" d'elaborazione personale delle situazioni che la vita ci regala. Con amore.

Freddy Fosca ha detto...

La strada era anche per dire non in casa. Mammina non mi sgridava quando dicevo le parolacce come probabilmente a te. Quindi non ho problemi a usarle quando serve. Di fronte alla stupidità ottusa e piena di sicumera niente altro si può dire. youtu.be/l-c2KLuPxGU CB docet!

Freddy Fosca ha detto...

@Attimi Discutici tu con Silvia io preferisco scendere sotto casa, e fare una pippa al primo gatto che trovo. Mi sembra una cosa più sensata. Ciao

attimiespazi ha detto...

@FREDDY
ognuno reagisce secondo la propria personalità e attraverso la costruzione di quel se stesso che lo fa stare bene con se stesso. se tu pensi che la via del sfanculaggine sia la più soddisfacente per te, sei liberissimo di farlo e di raccoglierne i frutti. Dal canto mio non ti rispondo con un video o le parole di qualcun'altro ma ti posso rispondere con queste mie parole frutto di riflessioni tutte mie, invitandoti a soffermarti sulla settima e ottava riga.
http://attimiespazi.blogspot.it/2013/10/la-gente-che-amo.html

.attimi

Freddy Fosca ha detto...

@Attimi Guarda che io uso lo sfanculaggio per non essere ancora più pesante, contro certa feccia che ammorba l'umanità con idee fetide, che puzzano di putrefazione e morte, e che infestano l'aria di questo mondo da millenni. Porcoddio!

attimiespazi ha detto...

Oh, Fosca, noi siamo per certi versi eroici.. affrontare queste tematiche attraverso una tastiera è davvero mirabolante per i limiti che comporta, ma ciò non impedisce ai valorosi (cioè noi)di accennare almeno un pochino alle idee che ci frullano per la testa per poterle confrontare con chi la pensa diversamente.
sì, ho capito che tu sei per il detto "quanno ce vò, ce vò".
ma, passando alla pratica delle cose::::::

dalla tua preziosa informazione si evince che i tuoi passatempi siano a diretto contatto con la natura!! :-)

io, invece, devo cucinare i funghetti per il favoloso risotto di stasera.
ciao FF, stay serenity

.attimi

silvia silviaa ha detto...

Riccardo, il cattolicesimo non è una setta che pratica ostracismo, ed aderire ad una religione è una scelta spontanea basata su una conoscenza storica attraverso una valutazione anche ragionata, e l'atto di fede è un incontro sperimentato, una conoscenza di un fatto storico verso il Messia, che ha convinto attraverso il messaggio d'amore, d'amicizia, ,l' ideale, la morale ecc..La Chiesa cattolica non fa altro che proporre Gesù, farlo conoscere, e poi ciascuno, in piena libertà può sperimentare nel suo intimo la sua presenza, avvalorando la vericita della proposta della Chiesa in piena libertà, non fa altro.

silvia silviaa ha detto...

Sig. Gigliotti, non so, forse no ci stiamo capendo, quale sarebbero gli argomenti dove avrei escluso l'amore e la libertà di un individuo. Cerchi di dettagliare maggiormente ed esprimersi meglio, più chiaramente.

Gaetano Gigliotti ha detto...

Silvia, Lei esclude l'amore "curando" un omosesuale.

Gaetano Gigliotti ha detto...

s

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

Premetto che curare cmq è un atto d'amore , perché è espressione di attenzione, premura assidua verso una persona. In natura non esiste base razionale genetica che spieghi l'omosessualità, quindi non può che tratrarsi di un disordine che ha origine fondamentalmente emotiva.Sono gli studi ad aver confermato tutto ciò, perché la casistica ha indiviuato cause ben precise per l'omosessualità, ed è dovuta ad una mancata relazione genitoriale, cioè il maschio ha bisogno da piccolo lattenzione del padre per sviluppare il suo senso di genere maschile, la femmina invece quello della madre. Quando ciò non si verifica, nel bambino non si sviluppa il genere di appartenenza, che da grande avra una tendenza a non sentirsi maschio o femmina. Questi casi sono stati riscontrati da molti psicoterapeutici sopratutto in quei ragazzi più sensibili, introversi e introspettivi, quindi esiste una predisposizione all omosessualita in base al contesto familiare, ambientale e caratteriale, ma non una autodeterminazione, nel senso che non si nasce gay perché non esiste alcuna base genetica.

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
silvia silviaa ha detto...

..e la conferma a tutto ciò, ripeto, è che esistono testimonianze di eterosessuali felicemente innamorati, che prima erono omosessuali, grazie al successo della psicoterapia.

Freddy Fosca ha detto...

Aaaaahhh! il gatto ha sborrato! Sono soddisfazioni queste!!!
https://youtu.be/EPA2RFmtBJA

attimiespazi ha detto...

@SILVIA
« Non si è trovata specie in cui non esista il comportamento omosessuale, eccetto in quelle che non hanno rapporti sessuali come l'echinoidea (riccio di mare) e gli afidi. Inoltre, parte del mondo animale è ermafrodita, letteralmente bisessuale. Per loro l'omosessualità non è un problema. »
Petter Bøckman
da Wikipedia che non è il amssimo dell'informazione..
http://it.wikipedia.org/wiki/Omosessualit%C3%A0_negli_animali

.attimi

attimiespazi ha detto...

i funghetti sono già belli che sistemati in padella e non aspettano altro che unirsi al riso.. un'insalatina mista per completare il pasto e poi preparerò quelle profumatissime fragole che ho comperato stamattina.. slurp

.attimicuocasuperesperta

Freddy Fosca ha detto...

M'hai fatto venì voglia di risotto ai funghi mi tocca farmelo stasera!

Gaetano Gigliotti ha detto...

" premura assidua verso una persona." Silvia, sono sfinito, non si curi di me.

attimiespazi ha detto...

RICETTA DEDICATA A FOSCA E A TUTTI I VIANDANTI DI QUESTO PAZZO PAZZO BLOG

X1persona
lava bene 6/8 funghi prataioli di medie dimensioni e tagliali a pezzetti piccoli per soffriggerli con olio extravergine d'oliva, sale, un pizzico di pepe e una punta di aglio (volendo anche prezzemolo da aggiungere verso fine cottura)- se vuoi evitare questa lunga procedura puoi utilizzare anche funghi in barattolo, trifolati, scolandoli dal loro olio di conservazione.
metti sul fuoco acqua e dado da brodo per avere a tua disposizone del brodo matto che aggiungerai gradualmente al risotto durante la sua cottura , e tienilo costantemente sotto fiamma- se hai a disposizione del brodino di verdura leggero è ancor meglio -
intanto trita un quartino di cipolla e falla dorare in una noce abbondante di burro, quando sarà appassita butta due pugni di riso e fallo mantecare un pochino insieme alla cipolla per due o tre minuti, mescolando continuamente. sfuma con un pochino di vino bianco secco - anche quello scrauso nel cartone va benissimo - quando il vino sarà evaporato (hhm che profumino!!), sempre continuando a girare (con cucchiaio di legno, assolutamente) comincia ad aggiungere il brodo caldissimo. operazione che ripeterai fino alla completa cottura del riso che manterrai morbido, non brodoso assolutamente. 1 minuto prima dell'avvenuta cottura aggiungi i funghetti. un cuacchiaio scarso di panna da cucina. continuando a mescolare spegni la fiamma e aggiungi il parmigiano reggiano (il pecorino romano no, è troppo saporito) fai riposare in pentola 1 minuto e poi impiatta con un sorriso di soddisfazione.
tempo di preparazione previsto con funghi in barattolo: circa mezz'oretta -

vi abbiamo trasmesso:
Le ricette impossibili/possibili di Attimi

Gaetano Gigliotti ha detto...

O raga, altro che risotto con funghi, per me stasera una bella pasticca di roipnol e viaaaaa verso nuovi orizzonti!!

Gaetano Gigliotti ha detto...

Domani, a cola una plegine e viaaaaaa!

attimiespazi ha detto...

il brodo va aggiunto piano piano, un po' alla volta .. se ne aggiunge un pochino a coprire il riso fino a quando questo non lo assorbe e quindi se na ggiunge altro..

Gigliotti, perchè ti droghi?

Gaetano Gigliotti ha detto...

Bella Att, nel tempo di riposo dopo la mantecatura io uso coprirlo con un panno umido...un vizio di nonna. Mah...

attimiespazi ha detto...

@Gigliotti
oh! giustissimo! sicuramente mantiene morbido il risotto che intanto fa l'amore con i funghetti e tutti gli ingredienti per far scoppiare nel palato in tutta la sua "gustevolità"
:))
.. grazie del prezioso suggerimento. ciao G

attimiespazi ha detto...

n on badare agli errori,, devo scappare, il risotto mi aspetta furioso
.attimi

Freddy Fosca ha detto...

@Attimi Non mi hai convinto del tutto. mi sa che faccio un soffritto funghi misti surgelati a pezzi grossi con un po di cipolla e qualche dadino di pancetta e lo sbatto nella pentola del riso col brodo a 5 minuti prima della cottura con un po' di pepe nero, prezzemolo tritato mentre si raffredda, e una spolverata di parmigiano finale a risotto impiattato con ciuffetto di prezzemolo di guarnizione. Poi ti dico :-)

silvia silviaa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Freddy Fosca ha detto...

Anzi la pancetta no va'!

silvia silviaa ha detto...

Sig. Gigliotti, non si preoccupi, spero solo che lei non rimanga troppo a letto fino a diventare una spaventosa piaga da decubito. :)

Gaetano Gigliotti ha detto...

Gentile Silvia, ho una compagna sposa da 27 anni, le piaghe le pucio con il pane a colazione.

RobySan ha detto...

Ammazza quanti commenti. E io, mo', che cappero scrivo? Una storia. Una storia di vita. Ebbene sì, ci ho una amica lesbica. Giovane. E pure ben messa (insomma: è bona, nel senso classico del termine). Solo che è molto più giovane di me e allora le faccio da confidente. Mi confida di non essere del tutto accettata dagli altri, ma che non gliene importa un accidente. Ha un'amica intima. Molto intima. Anche l'amica è un bel tipo, ma meno di lei. Insomma, a me 'sta mia amica lesbica giovane - più giovane di me, uh - mi intrippa, mi inzuppa, mi intrulla, ecc. ecc. E lei lo sa, eh. Perché io glielo dico che mi sfrucuglia la ghiandola pineale e mi arrovella il tessuto erettile. Lei ridacchia un po'. Mi dice che, in fondo, io sono l'unico uomo col quale, in un momento di follia, lei potrebbe sbilanciarsi in concessioni (le concessioni sono rigorosamente descritte, ma rimarranno riservate, una cosa tra me e lei: sono un gentiluomo, io). Io le dico che, se proprio dovesse sbilanciarsi, la prego di sbrigarsi. La prego anche di chiedere alla sua amica se - hai visto mai - fosse disponibile a uno sbilanciamento bilaterale (che come regalo per la domenica l'è mica male). Lei dice che gliene parla, sul serio, ma che la sua amica è più rigida di lei. Io la prego di insistere. E di sbrigarsi un poco. Non vorrei si facesse troppo tardi.

Freddy Fosca ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Gaetano Gigliotti ha detto...

Roby San il sogno di tutti i maschietti...in bocca al lupo! W

Freddy Fosca ha detto...

Venuto bene il risotto...ce voleva il minipimer (non ce l'ho) per fare una crema dei funghi una volta cotti, prima di finire la cottura nel riso. Comunque una discreta scopata! :-)

Freddy Fosca ha detto...

io una lesbica non me la scoperei mai. Se una non ama il cazzo che si fotta! un frocietto se è giovane, troio e adora il cazzo me lo potrei anche fare.