mercoledì 17 settembre 2014

QUELLO CHE CI ACCADE

Penso questo: quello che ci accade è una minima parte di quello che siamo.
Noi siamo anche il non accaduto, il mai, e l'altrove. Ma quello che ci accade
ha la forza dirompente di un getto d'acqua puntato contro noi, e ci cambia
l'umore delle giornate, ci devitalizza o ci esalta, ci fa sperare e disperare.
Le bollette, la fine del mese, gli appuntamenti d'amore, le visite mediche,
la giostra degli imprevisti e la gabbia delle convivenze o delle convenienze,
tutta carne al fuoco che con il suo fumo ci annebbia la vista dello spirito.
Quella che chiamiamo vita è solo un origami che galleggia sugli abissi.
Anche io sono prigioniero, ma una mattina mi sveglierò accanto a una
stella lontana e le dirò : madre, madre mia, accoglimi nel tuo fuoco.

Nessun commento: