sabato 4 marzo 2017

DIO MIO

Ho comprato un sacchetto di caramelle sciolte: menta, limone 
e miele. Sono sconvolto. Quando sono sconvolto ho bisogno di
caramelle come un bambino o un nonnetto. La Chisciotte a
volte è irriverente, ma lo fa sempre con amore. C'è una serie
di film dedicata ai miei vicini: una coppia degna di un film di
Walt Disney: potrebbero essere i cattivi, ma in realtà sono
tenerissimi. Lui è un signore che ha una relazione ossessiva
con la propria macchina, controlla e ricontrolla la chiusura
delle porte e del bagagliaio, può andare avanti per molto
tempo, anche 20 o 30 minuti, e se piove toglie via le gocce
di pioggia dai finestrini, una goccia dopo l'altra. Lei è una
donna grassa, dalla chioma rossa, e urla, o meglio, urlava.
La frase che urlava più spesso era :"Rivoglio il mio cervello".
Poco fa l'ho vista in lacrime sulle scale con un tubo in gola.
Mi ha fatto una pietà infinita. Non avrei mai pensato di provare
amore per questa donna. "Che cosa le è successo signora?",
e lei in lacrime mi ha fatto un gesto disperato. Dio, Dio mio.





3 commenti:

Freddy Fosca ha detto...

Pensa se ti risondeva: "Ma non mi rompere i coglioni...STRONZONE!!!"

Freddy Fosca ha detto...

Sei fortunato che c'aveva un tubo in gola! Ahaahahah!

Anonimo ha detto...



Il controllo della chiusura della macchina potrebbe essere un espediente per ritardare il rientro a casa. Da considerare anche l'ipotesi che il tuo vicino abbia perso le chiavi e tenti di aprirla con piccole forzature alle maniglie; il leggero movimento pelvico sul posteriore potrebbe indurre a pensare che tenti di amarla. Chissà.
In ultima analisi potrebbe trattarsi di un disturbo ossessivo-compulsivo o di una piccola mania.
In me, ad esempio, ricorre la mania del controllo e ricontrollo della chiusura della manopola del gas, e a quanto pare non sono l'unico:

https://www.youtube.com/watch?v=gTHTht2fRVA

Giulio