giovedì 10 aprile 2014

IL MIO VOLTO NELLA NOTTE

Stanotte sento in me alluvioni di un solo respiro e terremoti
remoti, e nidi di bestemmie fiorite nel cuore di un dio puro.
Potrei fare sesso con gli angeli se non avessi un tumore di
fango nell'intestino. Sul mio cuscino bianco l'eleganza di uno
scorpione. Stanotte sento la nudità ancillare del mio volto.

Nessun commento: